In forte crescita l’interscambio con Pechino

altGiovani e impresa, cinese uno su 3
Un giovane imprenditore su tre, in provincia di Como, è cinese. Il dato, per certi aspetti davvero sorprendente, emerge da una ricerca dell’ufficio studi della Camera di Commercio di Milano che nei giorni scorsi ha osservato l’economia regionale mettendola in relazione con il gigante orientale.
Gli imprenditori under 35 cinesi in Lombardia erano, alla fine del II trimestre di quest’anno, 2.597, il 22% del totale degli italiani (11.842). In termini relativi, sul Lario questa percentuale

è risultata molto più elevata: il 30,3%. In forte crescita anche le aziende il cui titolare è di nazionalità cinese. Nel Comasco sono ormai 211 contro le 188 dello scorso anno (+12,2%). Queste imprese occupano 571 persone e rappresentano lo 0,5% del totale delle aziende lariane.
Interessante un altro dato: la percentuale di donne cinesi titolari di azienda: è il 54.5%, vale a dire 115 su 211.
I rapporti economici tra Lombardia e Cina non si limitano, ovviamente, alla presenza di imprenditori negli elenchi camerali. L’interscambio tra le aziende della regione e Pechino è in costante crescita. Nei primi 6 mesi del 2014 l’insieme di import ed export tra Cina e Lombardia ha raggiunto un valore di oltre 6 miliardi di euro. Sul Lario l’interscambio con il colosso orientale ha toccato a giugno di quest’anno i 305 milioni di euro, con un incremento del 14,3% rispetto ai primi sei mesi del 2013. In particolare espansione proprio le esportazioni verso la Cina, cresciute di quasi il 50% in un anno (da 54,5 milioni di euro del periodo gennaio-giugno dello scorso anno agli 81,7 milioni del periodo maggio-giungo 2014). Secondo gli ultimi dati, sempre in provincia di Como vivono al momento 1.186 cittadini nati in Cina: 599 uomini e 587 donne. Una comunità in espansione ma che rappresenta soltanto una piccola parte di quella insediata in regione ormai giunta a oltre 50mila unità.

Nella foto:
Le imprese di cittadini cinesi in provincia di Como sono in forte crescita. Il fenomeno è omogeneo su tutto il territorio della nostra regione

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.