In nodi del 2019: Tangenziale di Como

La tangenziale di Como

Se per la Variante della Tremezzina il 2018 è stato un anno sicuramente positivo e nei prossimi mesi l’iter dovrebbe portare la questione dalla carta alle ruspe, sul fronte autostradale è difficile auspicare schiarite nel breve periodo. Pedemontana e Tangenziale di Como rimangono due incompiute che tagliano il territorio comasco.
Per quanto riguarda il secondo lotto della Tangenziale, a inizio dicembre la questione era tornata sul tavolo di Regione Lombardia. La proposta dei sindaci era per modificarne il tracciato e portare i costi stimati dagli oltre 800 milioni di euro iniziali a 670 milioni. Rimane aperta anche la questione del pedaggio: l’ex governatore lombardo, Roberto Maroni, e il suo successore, Attilio Fontana, avevano entrambi garantito la gratuità della tangenziale, che i comaschi continuano invece a pagare. Il sottosegretario della Lega alla presidenza del consiglio regionale, Fabrizio Turba, ha dato recenti rassicurazioni su un iter ancora in corso. Che il 2019 sia l’anno buono? Difficile essere ottimisti, così come sul prossimo completamento di tutta la Pedemontana.

12. Fine

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.