In Sant’Abbondio un ciclo di affreschi inestimabile

altNei dipinti i Re Magi sono ritratti in lettini colorati come quelli dei bambini
Un grande ciclo di affreschi arricchisce la basilica romanica di Sant’Abbondio a Como. Tra piccoli misteri iconografici – personaggi strani e dettagli bizzarri o aneddoti di cui i più ignorano sostanzialmente l’esistenza – spicca il “sonno dei Re Magi”, ritratti in lettini colorati come quelli dei bambini. I tre sapienti giunti da Oriente per adorare il nuovo Re sono raffigurati nel ciclo in età differenti a designare le tre età dell’uomo, come si legge nel sontuoso volume La regalità

di Cristo. Pitture murali in Sant’Abbondio a Como edito da Skira per conto del Credito Valtellinese, nel ricordo del millenario di fondazione della basilica di via Regina.
Come scrive l’esperta Carla Travi, nel “sogno dei Magi” «la perdita di numerose finiture a secco attenua l’impatto sfarzoso della scena, che prevedeva decori d’oro anche per i guanciali, di colori rigorosamente diversi, dei Magi».
Il volume di Skira è la base solidissima per ogni futura indagine critica anche perché presenta una campagna fotografica puntualissima sul patrimonio di affreschi lariano. Un patrimonio da valorizzare di cui i comaschi non si rendono ancora conto.

Nella foto:
Affreschi della basilica romanica di Sant’Abbondio, un patrimonio culturale unico al mondo (foto Mattia Vacca)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.