In stazione siamo al «pericolo imminente»

alt

Como San Giovanni Violenta
Pesante presa di posizione del Sindacato autonomo di polizia: «Un intervento ogni due giorni»

Almeno un intervento ogni due giorni. Una situazione che viene definita «oltre il livello di guardia», prossima al «pericolo imminente».
È questo il perentorio grido di allarme lanciato ieri pomeriggio dal Sindacato autonomo di polizia (Sap) con un comunicato stampa inviato nelle redazioni dei giornali.
All’ordine del giorno l’area compresa tra il piazzale della stazione di Como San Giovanni e il parco sottostante, zona spesso al centro della cronaca nera cittadina.
L’ultimo

episodio in ordine di tempo nella notte tra martedì e mercoledì, con un tassista colpito da un fendente di tenaglia solo per essere intervenuto sventando il furto di una bicicletta. «Un tassista – scrive il Sap – per una bicicletta di 50 euro di valore ha rischiato la vita (il colpo ha in effetti tagliato il mento della vittima, ma sarebbe bastato qualche centimetro in più per un esito ancor più drammatico, ndr). Lo scempio di quell’area è ormai sotto gli occhi di tutti. Basta fare calcoli e discutere di statistiche, se i reati sono aumentati o scesi di un 2% o di un 3%. In quel punto della città vanno in scena dai 10 ai 15 interventi al mese». In pratica, uno ogni due giorni. «Il risultato poi è sempre lo stesso – prosegue il sindacato di polizia – con feriti tra cittadini e forze dell’ordine e il patrimonio pubblico danneggiato. Ma cosa deve succedere ancora per far svegliare dal torpore le istituzioni?».
Poi il Sap passa alle proposte concrete: «Abbiate il coraggio di tagliare le spese inutili e investire nelle cose utili per la collettività. Bisogna riqualificare la zona con arredo urbano, telecamere di sorveglianza, illuminazione e poi va rafforzato il presidio delle forze dell’ordine e il controllo del territorio».
Ma anche per quest’ultimo passaggio servirebbero maggiori stanziamenti per la sicurezza.
Tornando all’episodio dell’aggressione al tassista – che comunque è riuscito con il collega a sventare il furto di bicicletta – va segnalato che l’interrogatorio del 24enne romeno arrestato si svolgerà questa mattina al Bassone, dove è rinchiuso: deve rispondere alle accuse di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate, tentata rapina impropria e danneggiamento.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Una pattuglia delle volanti nel piazzale antistante la stazione di Como San Giovanni, ancora al centro della bufera (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.