Incendi nei boschi lariani, il video dei vigili del fuoco

Dopo l’allarme incendi è emergenza maltempo in provincia di Como, con codice di allerta “arancione” diffuso dalla Regione Lombardia.

Quella a cavallo tra ottobre e novembre verrà ad ogni modo ricordata la settimana dei roghi, in Lombardia e in provincia di Como. La situazione più grave in provincia di Varese, con il Campo dei Fiori distrutto dalle fiamme.
In provincia di Como, invece, i vigili del fuoco hanno lavorato giorni e notti intere per spegnere due violenti incendi: uno a Veleso e uno sopra Tavernerio, sul monte Boletto.
Nelle scorse ore, il comando provinciale ha diffuso un video delle operazioni di spegnimento proprio sul monte Boletto: immagini che dimostrano la potenza delle fiamme e la vastità del fronte di incendio, con i vigili del fuoco in prima linea per domare i roghi.
Un video che rende merito all’operato dei pompieri: decine di uomini che hanno lavorato incessantemente da venerdì pomeriggio per quasi una settimana, giorno e notte, per salvare i monti avvolti dalle fiamme.
Nei roghi di settimana scorsa, secondo le prime stime, sono stati distrutti dalle fiamme circa 500 ettari di boschi.

Codice arancione per rischio temporali forti a partire dalle 13 di oggi. “Le previsioni meteorologiche emesse da Arpa-Smr – ha detto l’assessore regionale alla Protezione Civile Simona Bordonali – prevedono sulla Lombardia le prime deboli precipitazioni a partire dal tardo pomeriggio/sera di oggi, sui settori occidentali. Nella notte estensione ed intensificazione delle precipitazioni su Alpi, Prealpi e settori occidentali, fino a divenire diffuse su tutta la regione durante il mattino di domani domenica 5 novembre. Nel pomeriggio di domani ancora precipitazioni generalmente diffuse con tendenza ad attenuazione sui settori occidentali verso sera, mentre insisteranno su quelli orientali fino la notte successiva. Le precipitazioni di moderata o a tratti forte intensita’, risulteranno generalmente persistenti e continue su Alpi, Prealpi e Pedemontana”.

Sulla Pianura l’intensita’ sara’ piu’ discontinua, con il passaggio pero’ di rovesci o locali temporali maggiormente probabili ad ovest in mattinata, ad est nel pomeriggio e nella serata di domani. Gli accumuli maggiori sono previsti lungo la fascia prealpina, in particolar modo la zona laghi, dove nelle 24 ore sara’ possibile il superamento di 100mm di cumulata. Si evidenzia inoltre che accumuli abbondanti o localmente molto abbondanti saranno possibili anche a causa della probabile formazione di linee di convergenza stazionarie nei bassi strati con rovesci persistenti.
In base a queste previsioni, si prevede, appunto:

RISCHIO IDROGEOLOGICO – Il rischio idrogeologico è previsto con codice Arancione (moderata criticità) sul Lario e le Prealpi occidentali, province di Como e Lecco.
RISCHIO IDRAULICO – Il rischio idraulico, con codice arancione, interessa la zona omogenea IM-09 (Nodo idraulico di Milano, province Como, Lecco, Monza Brianza, Milano e Varese).

Articoli correlati