Incendio di Mariano Comense, sopralluogo di Raffaele Cattaneo assessore regionale all’Ambiente

Sopralluogo di Raffaele Cattaneo

Questo pomeriggio si alzava ancora il fumo dalla discarica di Mariano Comense. L’incendio divampato nel primo pomeriggio di lunedì è ormai sotto controllo ma non del tutto esaurito. Ancora attivi alcuni focolai riattivati dal forte vento. Nel pomeriggio di ieri il sopralluogo dell’assessore all’Ambiente di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo accompagnato dal presidente di Arpa Lombardia, Fabio Carella, dal direttore generale Stefano Cecchin, e dai rappresentanti dall’amministrazione comunale. «Ci sono ancora delle fumarole e dei piccoli focolai, come accade in questi casi perchè sotto lo strato superficiale bisogna fare agli altri interventi», dice Cattaneo. L’assessore ha precisato che la discarica era autorizzata, seppur in fase conclusiva di attività «i conferimenti si sarebbero conclusi nell’arco di 20 giorni: questo in linea con le politiche di Regione Lombardia, dove le discariche rappresentano soltanto il 2% del destino finale dei rifiuti urbani». Continuano le verifiche della autorità per chiarire le cause che hanno innescato il rogo nella discarica. L’assessore ha precisato che al momento «nessuna ipotesi è esclusa, anche se dopo il sopralluogo vedo meno ragioni per una natura dolosa dell’episodio». Intanto domani verrà istituita e inizierà a essere operativa la Commissione di inchiesta sul sistema di gestione dei rifiuti in Lombardia «che sarà chiamata a cercare di approfondire e fare luce anche su casi come quello di Mariano Comense», ha detto Alessandro Fermi presidente del consiglio regionale lombardo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.