Incidente ferroviario a Pioltello, tre morti. Sul posto anche molti soccorritori comaschi

L'incidente ferroviario a Pioltello L’incidente ferroviario a Pioltello

Tragico incidente questa mattina intorno alle 7 tra Pioltello e Segrate, dove è deragliato un treno delle ferrovie Trenord. Il convoglio era partito da Cremona alle 5.32 in direzione Milano Porta Garibaldi. Il bilancio parla di 3  donne, 46 feriti, di cui 10 gravi. Le vittime sono Pierangela Tadini, 51enne di Caravaggio (Bergamo), Giuseppina Pirri, 39 anni, (di Capralba in provincia di Cremona) e Ida Maddalena Milanesi, 61 anni, pure originaria di Caravaggio (Bergamo).

Sul posto sono accorsi ambulanze, polizia, carabinieri, vigili del fuoco e Protezione civile (con volontari della provincia di Como) impegnati a estrarre i viaggiatori dai convogli accartocciati. Secondo una prima ricostruzione, alle 6.57 il treno sarebbe sparito dai radar delle ferrovie, comparendo nuovamente poco dopo rovesciato. Sembra che all’altezza di uno scambio, le prime due carrozze siano passate mentre le altre tre siano uscite dai binari “per un cedimento tra i vagoni”. I passeggeri hanno riferito di fortissimi vibrazioni che avrebbero preceduto il deragliamento.

Inevitabili il caos e i disagi per i pendolari, anche comaschi, in un orario di punta per chi si reca ogni mattina al lavoro. Ritardi e interruzioni delle linee si sono sommati e Trenord, attraverso i propri canali sul web, subito dopo l’incidente ha riportato questo avviso: “A causa di un inconveniente tecnico in prossimità della stazione di Pioltello, che richiede un necessario intervento delle autorità competenti, la circolazione è al momento interrotta tra le stazioni di Treviglio e Milano”. Un linguaggio che, a fronte di un evento tragico con morti e feriti, ha scatenato polemiche infuriate sui social.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.