Industria: Boccardelli (Luiss),investimenti mirati su Sanità

Nella farmaceutica la questione verte intorno ai principi attivi

(ANSA) – ROMA, 18 SET – "Il settore farmaceutico rappresenta un’eccellenza per l’Italia e per la produzione manifatturiera, un settore in cui siamo leader a livello di mercato europeo, il tema però si incentra sullo sviluppo dei principi attivi, delle molecole, che in qualche modo dovrebbe essere ulteriormente rafforzato in Italia: si tratta di attirare investimenti produttivi, spinge la ricerca e lo sviluppo, se non in maniera generale almeno su alcune aree terapeutiche in cui la farmaceutica italiana può giocare un ruolo". Così il direttore della Luiss Business School, Paolo Boccardelli, intervenendo al digital talk ‘Italia Riparte’, che prende le mosse dallo studio dedicato alle ‘Life Sciences’ condotto insieme a Ey e Cassa deposti e prestiti. Insomma per Boccardelli "l’eccellenza manifatturiera è stata guadagnata nel territorio dalle imprese e va sicuramente difesa nel tempo, altrimenti, come a volte capita, è possibile trovare altri contesti dove lo sviluppo e le tecnologie, il collegamento con la domanda che arriva da aziende sanitarie e ospedali rende tutto più efficiente. E’ quindi necessario che il nostro ecosistema della salute evolva verso una sempre maggiore efficienza". Se da una parte è vero che ci sono pressioni per ridurre la spesa sanitaria ci sono fattori come l’allungamento della vita e le complessità, come quelle manifestatesi con il Covid, che ne richiedono "un aumento", spiega. Quanti ai ‘medical divice’, si tratta di un campo in cui "si assiste a una combinazione tra competenze di settore, ingegneristiche e digitali". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.