Industria:ricerca,ricavi manifatturiero a 1000 miliardi nel 2022

Intesa Sanpaolo e Prometeia

(ANSA) – MILANO, 11 MAG – Il 2021 si è aperto con prospettive di rafforzamento dei livelli di attività del manifatturiero italiano. Il rimbalzo atteso nel biennio 2021-2022 (+8.4 nel 2021 e +5.3 nel 2022, a prezzi costanti) e la spinta dei prezzi porteranno il fatturato manifatturiero a superare la soglia dei 1000 miliardi di euro; nel periodo 2023-25, i ritmi di crescita, pur rallentando, si manterranno sostenuti (+2.6% in media d’anno, a prezzi costanti). E’ quanto emerge dall’analisi dei settori industriali realizzata da Prometeia e dalla direzione Studi e ricerche Intesa Sanpaolo. Il lockdown di marzo-aprile dell’anno scorso ha lasciato un’eredità pesante, con una perdita di fatturato manifatturiero nell’intero 2020 pari a 90 miliardi di euro circa, per un calo tendenziale del 9,3% a prezzi costanti, ma inferiore alle attese. A partire da maggio 2020, al termine della prima fase dell’emergenza sanitaria, l’industria italiana ha registrato un significativo rimbalzo. La recrudescenza dell’ondata pandemica nei mesi autunnali ha sottoposto il manifatturiero a nuove pressioni ma senza intaccare il sentiero di recupero. Spinte di ripresa sono giunte sia dal mercato interno sia dai mercati internazionali, dove le esportazioni italiane (-8.8% a prezzi costanti nel 2020) hanno registrato una migliore capacità di tenuta nel confronto con Germania (-9.1%) e Francia (-16%). L’economia mondiale ha "svoltato. Ci sono una serie di indicatori che stanno andando in positivo. La ripresa globale c’è ed è più rapida delle attese, con un recupero pre-covid prima del previsto", afferma Gregorio De Felice, responsabile studi e ricerche Intesa Sanpaolo. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.