Influenza, campagna vaccinale, si parte il 19 ottobre

La campagna antinfluenzale da ottobre

La campagna vaccinale contro l’influenza partirà il 19 ottobre e Regione Lombardia ha acquistato 2.884.000 dosi di vaccino.
Un numero sufficiente, secondo i vertici della sanità lombarda, anche se in realtà potrebbe mancare un milione di dosi. Il conto dei soggetti che rientrano nelle categorie per le quali è prevista la somministrazione gratuita del farmaco perché ritenute a rischio in regione arriva infatti a circa 3,8 milioni.
Rispetto agli anni precedenti, quando il vaccino era raccomandato agli over 65, quest’anno l’età si è abbassata a 60 anni e sono stati aggiunti i bambini da 6 mesi a 6 anni. Confermata la proposta di aderire gratuitamente a tutti i pazienti cronici e soggetti a rischio per altre patologie e agli operatori sanitari. L’obiettivo indicato dalla Regione è raggiungere il 75% dei destinatari della campagna. «Ad oggi – ha spiegato Marco Trivelli, direttore generale Welfare Lombardia – la Regione ha già acquistato 2.884.000 dosi a fronte di un fabbisogno massimale raccomandato e aggiuntivo a titolo gratuito previsto di 2.768.000 dosi. Ciò significa che l’offerta dei vaccini è non solo coerente con il bisogno, ma addirittura superiore. C’è anche spazio per poter sub-fornire le farmacie per consentire alla popolazione non target di vaccinarsi volontariamente. La difficoltà non è dunque nelle forniture, quanto nel tentare di raddoppiare il numero di vaccinazioni in poche settimane rispetto agli anni precedenti».
«Non tutta la popolazione target è disponibile nei fatti a vaccinarsi – ha aggiunto Trivelli – Lo scorso anno, infatti, la copertura effettiva è stata solo del 48%, quindi ampiamente sotto l’obiettivo ministeriale del 75%. Il vero tema è riuscire a somministrare i 2,9 milioni di dosi nel giro delle prossime 4-5 settimane in sicurezza, nel quadro Covid, cercando di raggiungere tutte le fasce deboli sperando di raggiungere la soglia del 60% di popolazione coperta».
La consegna delle dosi è prevista in due fasi, ottobre e novembre. A ottobre saranno consegnate circa 800mila dosi e le rimanenti 2,1 milioni saranno invece disponibili a novembre.
Adesione totale dei medici di medicina generale comaschi alla campagna antinfluenzale. Nell’ambito dell’Ats Insubria, il 100% dei professionisti parteciperà all’attività di prevenzione e si occuperà direttamente di vaccinare i propri pazienti. In generale la media lombarda è dell’89%. La vaccinazione dal 19 ottobre alla fine del mese riguarderà i pazienti fragili, gli ospiti delle residenze per anziani e gli over 65. Nella prima metà di novembre si procederà poi con i bambini da 6 a 24 mesi e tra i 60 e i 64 anni, con precedenza alle categorie fragili.
Nella seconda metà di novembre toccherà quindi a bambini da 2 a 6 anni e operatori sanitari. Al termine, eventuali dosi rimaste saranno messe a disposizione, a pagamento, per le categorie che non rientrano tra quelle a cui il farmaco è raccomandato e offerto gratuitamente. «Ci sono studi – ha spiegato il virologo Fabrizio Pregliasco – secondo cui la vaccinazione antinfluenzale sembra proteggere meglio rispetto al Covid. Un vantaggio che credo possa essere colto dai nostri concittadini lombardi».
«La scarsa disponibilità di vaccino influenzale – ha aggiunto il virologo – è un fenomeno di livello mondiale. Comunque è possibile che, sulla base dell’andamento della campagna vaccinale, ci possano essere degli elementi per consentire al cittadino di acquistare il vaccino».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.