Cronaca

Influenza, vaccinazioni dal 27 ottobre. Il picco è previsto tra Natale e gennaio

altIl malanno di stagione
L’Asl punta a coinvolgere il 75% dei soggetti a rischio
(f.bar.) L’obiettivo è ambizioso, vaccinare il 75% dei soggetti a rischio, che in provincia di Como sono circa 90mila. Anche se l’intento finale è ovviamente quello di raggiungere una fascia molto più ampia di popolazione per garantire il massimo contenimento dell’epidemia.
La percentuale è stata fissata, identica per tutti i territori, dalla Regione. «La tradizionale campagna di vaccinazione antinfluenzale parte il 27 ottobre e il mese di novembre sarà quello in cui si concentrerà

lo sforzo maggiore – ha spiegato ieri Carlo Alberto Tersalvi, direttore sanitario dell’Asl di Como, durante la presentazione della campagna per il 2014 – L’anno passato ci siamo fermati al 50% dei soggetti a rischio. Il vaccino, va ricordato, inizia a operare tra 14 e 21 giorni dopo la somministrazione».
E come accadde nel 2013, «il picco epidemico è previsto a ridosso delle festività natalizie e a gennaio – ha aggiunto Gian Luigi Spata, presidente dell’Ordine dei medici di Como – Attualmente sono in circolazione solo forme virali».
Intanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha prescritto l’utilizzo di un vaccino trivalente con tre antigeni: i nomi sono California, Texas e Massachusetts. Interessate dalla profilassi, che sarà gratuita per le categorie a rischio, tutte le persone che hanno compiuto i 65 anni, i bambini di età superiore ai 6 mesi, i malati cronici, i diabetici, i cardiopatici e i soggetti con altre patologie ma anche gli operatori dei servizi essenziali per la comunità e chiunque assista costantemente una persona a rischio. I medici di medicina generale vaccineranno in ambulatorio i pazienti over 75 e, a domicilio, tutti i malati costretti a letto. Tutti gli altri soggetti dovranno invece recarsi negli ambulatori e nelle strutture socio-sanitarie indicate, assieme alle date, sul sito www.asl.como.it.
Chi non ha diritto ad avere gratuitamente il farmaco, ma vuole comunque vaccinarsi contro l’influenza, può comprare il medicinale in farmacia (il costo è di 11 euro) e poi rivolgersi al medico di famiglia.
«Attualmente non abbiamo indicazioni tali da ritenere questa influenza più aggressiva di quelle del passato», ha infine sottolineato Cristina Della Rosa, direttore del dipartimento cure primarie dell’Asl di Como.

Nella foto:
Asl in campo
Ieri l’Asl di Como ha spiegato i tempi e le modalità di somministrazione del vaccino antinfluenzale alle persone appartenenti alle categorie più esposte a gravi complicanze
22 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto