Insulti razzisti alla giocatrice di colore: condannato a pagare 2.500 euro

wabaraI fatti fanno riferimento al match di play off di basket femminile del 20011 tra Comense e Geas Sesto San Giovanni

Condannato a 10 giorni di reclusione, sostituiti con una pena pecuniaria (già pagata) di 2.500 euro. E’ questa la decisione del giudice delle indagini preliminari di Como che – accogliendo le richieste di decreto penale avanzate dal pm – ha colpito un 32enne di Fino Mornasco, indagato dalla procura per aver istigato all’odio razziale nel corso della partita di basket diventata tristemente celebre in Italia tra Pool Comense e Geas Sesto San Giovanni. L’obiettivo degli insulti fu la giocatrice di colore della nazionale italiana Abiola Wabara, che all’epoca dei fatti giocava con le milanesi.

L’occasione per il becero comportamento, il 6 aprile 2011, fu la gara dei quarti di finale play off tra le nerostellate e la Geas. Il 32enne fu anche colpito da un Daspo di cinque anni.

Tutti i dettagli della vicenda sul Corriere di Como in edicola domenica 13 gennaio

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.