Cronaca

Intanto il referendum passa in giunta

altIl fronte del no
Ora “Adesso Como” deve trovare e autenticare 4mila firme

Ironia della sorte, quando Daniel Libeskind ha fatto il suo ingresso in giunta a Palazzo Cernezzi, per salutare sindaco e assessori, l’esecutivo aveva appena firmato il suo via libera al referendum “contro” The Life Electric.
Si è trattato di un passaggio obbligato nell’iter del quesito proposto dal consigliere di Adesso Como, Alessandro Rapinese.

Dopo l’ok della commissione – come da regolamento e statuto comunale – la giunta ha dovuto infatti confermare, attraverso una delibera, il giudizio. 

Ora scattano i 90 giorni per la raccolta delle circa 4mila firme autenticate. La commissione avrà altri 45 giorni per verificare le firme.
Se, insomma, le firme saranno depositate entro il 30 ottobre, missione quasi impossibile, i comaschi potrebbero essere chiamati a esprimersi sulla collocazione di “The Life Electric” in una domenica compresa tra il 15 marzo e il 15 maggio. I tempi insomma sono strettissimi per fermare quello che sembra ormai un treno in corsa.
La giornata di ieri si era aperta peraltro con un blitz di Forza Nuova. I militanti lariani del partito di estrema destra hanno affisso manifestini colorati contro il monumento.
«Si tratta dell’ennesimo scempio al lago» scrivono in un comunicato stampa.
Il fonte del “no”, su iniziativa di Adesso Como, si troverà martedì 28 a Villa Gallia (dalle 18.30), in un incontro pubblico con la partecipazione degli architetti Attilio Terragni, Attilio Stocchi e Hajime Miyajima. Il titolo della serata è “Com’era, dov’era”, ovvero un dialogo sulla città «per approfondire le ragioni per le quali sia inopportuna la posa del monumento che l’amministrazione comunale intende porre sul tondello della diga foranea di Como», si legge nell’invito all’evento.
La giornata lariana di Libeskind è stata ampiamente commentata anche sui social. Rapinese, ad esempio, lancia dal suo profilo Facebook una provocazione: «Fossi stato sindaco non avrei omaggiato Volta con un discutibile monumento alla luce. Lo avrei omaggiato sistemando il vetusto impianto di illuminazione pubblica cittadino».
Il giovane architetto comasco “pro” Libeskind Michele Bollini si è, invece, divertito in una serie di fotomontaggi a favore del monumento con tanto di idrovolante che porta uno striscione di benvenuto a Daniel.

Paolo Annoni

23 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto