Intesa pubblici esercizi-forze dell’ordine: telecamere nei negozi e nelle aziende della provincia

prefettura_incontro_sicurezza Un momento dell’incontro dedicato alla sicurezza che si è svolto in Prefettura

Rapine in diretta sugli schermi della questura e del comando dei carabinieri. Le forze dell’ordine potranno “assistere” in tempo reale agli assalti a negozi e aziende e intervenire in pochi istanti per bloccare i malviventi.

Ieri mattina, in Prefettura a Como, è stato firmato un protocollo d’intesa per l’installazione di un sistema di videoallarme antirapina in tutta la provincia lariana.
Il documento è stato sottoscritto dai rappresentanti delle forze dell’ordine, dal Comune e dalla Provincia di Como, dalla Camera di Commercio e dalle associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Cna. Ora parte la campagna di adesione di commercianti e artigiani, che potranno così chiedere l’installazione nei propri locali delle videocamere di sorveglianza.
«Il progetto rientra nel piano della sicurezza partecipata – ha sottolineato il prefetto di Como, Bruno Corda – L’obiettivo è aumentare la sicurezza di tutti, sollecitando anche un ruolo attivo di ciascun cittadino. Il nuovo sistema di sorveglianza può essere installato sia all’interno sia all’esterno dei locali. Un accorgimento che permette di registrare le eventuali rapine, ma anche modalità e direzione di fuga dei malviventi e ulteriori elementi quali “sopralluoghi” dei banditi prima del colpo».
«Le immagini arrivano in tempo reale nella caserma di Como – ha detto il comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Roberto Jervolino – È nostro infatti il compito di coordinare le forze in campo sul territorio. Dal comando saranno date le direttive per gli interventi».
In queste ore, la società incaricata installerà apparecchiature e programmi proprio in piazza Duca d’Aosta e in Questura.
Lo stesso avverrà poi nei negozi e nelle attività che aderiranno.
La strumentazione, controllata da telecamere, può essere attivata in un istante in caso di rapina o di altri pericoli. In tempo reale, il videoallarme scatta nelle sale operative  che ricevono in diretta le immagini e possono dunque valutare le modalità di intervento più appropriate.
Le associazioni di categoria hanno già individuato l’azienda che fornirà gli strumenti, la Securshop srl di Treviglio (Bergamo).
Il costo per l’attivazione e la dotazione base, comprensiva di abbonamento al servizio per 5 anni ammonta a 1.290 euro. «Per i commercianti l’attenzione al problema sicurezza è massimo – ha detto Giansilvio Primavesi, presidente di Confcommercio – L’idea è positiva e crediamo possa avere successo».
«La sicurezza del territorio è importante – ha aggiunto Claudio Casartelli di Confesercenti – Faremo il possibile per incentivare la diffusione del sistema su tutto il territorio».
«L’esigenza di sicurezza è molto sentita – ha aggiunto Marco Galimberti, presidente di Confartigianato – L’aspetto maggiormente positivo è vedere lavorare assieme istituzioni e forze economiche».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.