Intesa tra Coop e centrodestra: via libera al nuovo supermercato
Città, Economia, Territorio

Intesa tra Coop e centrodestra: via libera al nuovo supermercato

Bloccato dalla precedente amministrazione di centrosinistra, l’ampliamento della nuova Coop di via Cecilio a Rebbio, nell’area una volta occupata dalla concessionaria Mercedes, ha ottenuto il via libera dalla giunta di centrodestra del capoluogo lariano, guidata dal sindaco Mario Landriscina. Mercoledì sera, l’esecutivo del Comune di Como ha approvato lo schema di convenzione che disciplinerà i rapporti con Coop Lombardia. In via Cecilio sarà quindi costruita una nuova area commerciale di 1.500 metri quadrati. Il progetto prevede la demolizione dei fabbricati esistenti (la cui superficie è di 11.432 metri quadrati per una volumetria di 29.019 metri cubi) e la ricostruzione senza alcun ampliamento.
La nuova struttura potrà essere adibita al commercio di prodotti alimentari e non, anche con un diverso marchio rispetto a quello noto e tradizionale della Coop.
Dopo l’approvazione della convenzione urbanistica, necessaria in situazioni del genere, sarà rilasciato il permesso di costruire.
Con la realizzazione del nuovo spazio commerciale, in un raggio di poche centinaia di metri si troveranno a convivere due grosse catene, la Coop appunto, e l’Esselunga dell’area ex Fisac, a Camerlata.
L’accordo prevede che Coop Lombardia realizzi a proprie spese parcheggi pubblici per una superficie totale di circa 4.400 metri quadrati e un percorso ciclopedonale di collegamento tra le vie interessate dal nuovo compendio immobiliare, vale a dire le vie Giussani e Cecilio.
Il progetto implica anche la realizzazione di ulteriori 107 posti auto a disposizione della struttura commerciale.
Le manutenzioni ordinarie e straordinarie delle aree ad uso pubblico saranno a totale carico di Coop, comprese le spese per sorveglianza e sicurezza.
L’operazione che il centrosinistra aveva bloccato è stata quindi ripescata dal centrodestra anche per ragioni squisitamente finanziarie.
Nelle casse del Comune di Como, infatti, la Coop dovrebbe versare circa 550mila euro di oneri di urbanizzazione e 280mila di contributo sul costo di costruzione.
Ovviamente, l’apertura del nuovo punto vendita sarà autorizzata soltanto dopo che la Coop avrà completato e collaudato le opere a uso pubblico previste nella convenzione urbanistica (documento che dovrà essere votato in consiglio comunale).
Infine, l’apertura della nuova struttura comporterà la contemporanea chiusura del supermercato di via Giussani. Il progetto dell’area commerciale nella ex Mercedes si era trasformato in una guerra di carte bollate tra la giunta di Mario Lucini e la stessa Coop Lombardia. Ora il completo cambio di rotta e il via libera all’opera.

24 Marzo 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto