Intossicati dal monossido a Luisago: in tredici al pronto soccorso

Pronto soccorso Ospedale Sant'Anna

Tredici persone, nella notte di Capodanno, sono finite al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia in seguito a sintomi di intossicazione da monossido. Per quattro di loro si è reso anche necessario il trasporto d’urgenza in camera iperbarica ma nella giornata di ieri l’allarme era già rientrato e tutti sono stati dimessi.

Tra di loro anche cinque bambini, che stavano trascorrendo la serata del cenone di San Silvestro in una casa di Luisago. Per l’occasione si erano riunite due famiglie di parenti pakistani, parte residenti proprio a Luisago, gli altri in arrivo dal Lago d’Iseo, nel Bresciano. Il menù della serata prevedeva una grigliata e il barbecue era stato appositamente allestito.

La pioggerellina che ha però imperversato sul Comasco, ha spinto a compiere il gesto che ha poi causato il tutto: il barbecue infatti è stato portato all’interno dell’appartamento al riparo dalle intemperie ma libero di bruciare tutto l’ossigeno presente, liberando nello stesso tempo monossido di carbonio.

Tutti sono stati portati al pronto soccorso e quattro di loro (due adulti e due bambini) sono poi stati trasportati in camera iperbarica a Milano. L’epilogo della notte di Capodanno, come detto, è stato positivo, viste le premesse: tutti i coinvolti sono stati dimessi e hanno potuto far ritorno a casa. La verifica dell’accaduto è stata affidata alle volanti della Questura di Como.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.