Cronaca

Intrigo internazionale su Villa Vigoni: spunta un documento del 1990

villa vigoniE’ stata ipotecata in favore delle vittime del nazismo. Ma la corte dell’Aja ha dato ragione alla Germania

Sulla splendida Villa Vigoni di Menaggio si scatena un vero e proprio intrigo internazionale che vede coinvolti Italia, Germania e le vittime delle stragi naziste. Questa mattina, di fronte al giudice civile del tribunale di Como, è andata in scena una udienza relativa all’opposizione della Repubblica Federale Tedesca all’ipoteca sulla villa ottenuta (con la legittimità dell’atto stabilità dalla Cassazione) dai famigliari delle vittime della strage di Distomo, in Grecia, in cui persero la vita 218 persone.
 I legali della Repubblica Federale hanno depositato sul tavolo del magistrato la sentenza della Corte internazionale di giustizia dell’Aja che non ritiene legittime le ingerenze in base al principio dell’immunità degli stati. Ma l’avvocato delle vittime del nazismo, il tedesco Joachim Lau, ha a sua volta depositato un atto nel 1990 in cui la Germania, di fronte a Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti si impegnava invece a risarcire i debiti e i danni della guerra dopo la riunificazione. Il braccio di ferro, insomma, continua. Ed una parte importante della vicenda si giocherà ora sul tavolo del giudice civile di Como.  (m.pv.)

L’approfondimento sul “Corriere di Como” in edicola domani

9 maggio 2012

Info Autore

Mauro

Mauro Peverelli mpeverelli@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto