Irpef: sindacati, riforma parta da lotta a evasione

Creare una commissione rischia di rimandare riforma alle calende

(ANSA) – ROMA, 19 FEB – Non può esserci una vera riforma fiscale senza una vera lotta all’evasione. Lo hanno detto tutti i sindacati, Cgil, Cisl Uil e Ugl, nelle audizioni in commissione finanza alla Camera. "La lotta all’evasione deve andare insieme alla Riforma dell’Irpef, perché è colpa dell’ evasione se abbiamo il debito pubblico che abbiamo" ha detto Gianna Fracassi della Cgil, "Ripartire dalla lotta all’evasione" lo chiede Giulio Romani della Cisl contrario all’"aumento di altre imposte per finanziare la riduzione dell’Irpef". "Mettere fine allo scandalo dell’evasione, uno ‘schifo’ in continuo aumento" ha rincarato Proietti (Uil) citando Visentini e ricordando che "Gli oltre 100 miliardi di euro sottratti al fisco ogni anno sono un danno per l’economia e la democrazia e non sono più tollerabili". Scettici i sindacati all’idea di istituire una commissione per predisporre la riforma: "Non vorremmo che rimandi la riforma dell’Irpef alle calende greche". Una riforma che i sindacati attendono perché è "sono lavoratori dipendenti e pensionati a sopportarne la quasi totalità del peso", con una progressività iniqua. "Una donna single con figli che guadagna 75.000 euro lordi, paga la stessa aliquota di chi guadagna 500.000 euro" ha detto Fracassi della Cgil. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.