Italiana morta a Loveparade: ricorso a Corte europea

Famiglia di Giulia Minola chiede verità

(ANSA) – BRESCIA, 07 FEB – La famiglia di Giulia Minola, la ventunenne bresciana morta il 24 luglio 2010 alla Loveparade di Duisburg, ha inviato un ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo in seguito all’archiviazione del processo, risalente al maggio 2020. Assistiti dall’avvocato Federico Di Salvo, i familiari, stando a quanto scritto dal Giornale di Brescia, contestano alla Repubblica federale tedesca di non avere tutelato i diritti fondamentali della ragazza, a partire da quello alla vita, considerate le gravi carenze nell’organizzazione della festa. Anche l’inchiesta successiva alla strage, in cui morirono ventuno persone e ne rimasero ferite più di 600, viene giudicata inadeguata, così come sarebbero successivamente venute meno le garanzie di un equo processo. La Cedu ha ora cinque mesi di tempo per decidere se ammettere il ricorso. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.