Juventus-Como, il giorno delle verità: azzurri in campo per classifica e allenatore

Como Pergolettese

Un risultato importante per tornare nei piani alti della classifica e per rendere più solida la panchina di mister Marco Banchini.
È questo l’obiettivo del Como che oggi alle 17.30 è impegnato ad Alessandria allo stadio Moccagatta contro la Juventus Under 23. Il match è il recupero della gara rinviata qualche settimana fa per l’alto numero di giocatori bianconeri convocati nelle rispettive nazionali.
I lariani, dopo aver vinto l’altro lunedì sul campo della Lucchese, hanno ottenuto due risultati non troppo graditi; lo 0-0 interno con la Pergolettese e lo stop di domenica scorsa con la Giana Erminio. Una sfida persa per 1-2 con gli azzurri in vantaggio con Alessandro Gabrielloni, che si sono prima fatti raggiungere e poi superare, con la rete decisiva della squadra di Gorgonzola al 46’ del secondo tempo.
In questo momento le due contendenti hanno lo stesso numero di punti in classifica, 10, anche se i bianconeri hanno disputato un incontro in meno.
«Di fronte ci sarà una squadra con tanti giocatori giovani, forti, abili tecnicamente e veloci – spiega mister Marco Banchini – Ci attende una gara difficile. Mi attendo anche una reazione sotto il profilo caratteriale: con la Giana Erminio siamo stati avanti, poi quando è arrivata la rete del pareggio nel secondo tempo è mancata quella reazione nervosa che ci avrebbe dovuto spingere a cercare la rete del 2-1 a nostro favore».
«Sotto questo profilo c’è ancora da lavorare – afferma ancora l’allenatore del Como – in certi casi servono la consapevolezza, la voglia di imporsi e di essere dominanti anche quando le partite non vanno come vorresti. Certe gare con qualità ed esperienza le devi comunque condurre dalla tua parte».
L’ultimo turno di campionato nel girone A ha portato una lunga serie di risultati a sorpresa, con passi falsi delle prime. Se da un lato, quindi, il Como non ha perso il contatto con la vetta, dall’altro rimane il rimpianto per la serie di occasioni perse per essere già in alto.
In testa c’è la Pro Vercelli, che non è andata oltre lo 0-0 esterno con l’Olbia. I piemontesi hanno 14 punti. Alle loro spalle, ad una lunghezza di distanza, un gruppo con tre formazioni, composto da Novara, Grosseto e Carrarese. Il Grosseto ha soltanto pareggiato in casa (1-1) con l’AlbinoLeffe. Medesimo risultato nel confronto che ha messo di fronte proprio Novara e Carrarese.
A quota 12 inseguono Pro Patria, Renate e Pontedera. La Pro Patria (attesa domenica alle 17.30 allo stadio Sinigaglia) si è imposta per 1-2 sul terreno della Pergolettese. Male Renate e Pontedera, superati rispettivamente da Livorno e Alessandria. Sorpresa anche per la clamorosa sconfitta interna del Lecco, che ha subìto un sonoro 2-4 dal Piacenza.
Il girone A è ben differente dallo scorso anno, quando il primato della corazzata Monza era scontato: il campionato 2020-2021 finora è caratterizzato da un forte equilibrio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.