Cultura e spettacoli

La Biblioteca di Como compie tre secoli e mezzo

alt Il ricco calendario delle iniziative

«Trecentocinquant’anni anni non sono da poco per nessun evento e nessun luogo, per la nostra biblioteca di Como rappresentano un traguardo significativo, che tiene conto dei vari passaggi vissuti della struttura nella sua lunga storia, ivi compreso un direttore molto particolare come Alessandro Volta». Sono le parole dell’assessore comasco alla Cultura Luigi Cavadini, con cui ieri ha presentato le iniziative per l’anniversario della maggior raccolta libraria del Comasco, quella di piazzetta

Lucati.
Per celebrare i 350 anni dell’istituzione della biblioteca, giovedì prossimo, 7 novembre, si aprirà un ciclo di eventi che comprende varie iniziative espositive e un ricco ciclo di conferenze. In particolare, sono in arrivo tre mostre dove si potranno ammirare antichi documenti inediti che ricostruiscono la storia della biblioteca nella sue relazioni con la città, poi libretti d’opera e spartiti e testimonianze di manoscritti e libri a stampa delle vecchie famiglie comasche, dai Giovio ai Borsieri.
Le conferenze vedranno la presenza di ospiti prestigiosi come il bibliofilo Federico Macchi, la ricercatrice Alessandra Mita Ferraro e il prefetto della biblioteca ambrosiana monsignor Gianfranco Buzzi, di origine comasca.
Una biblioteca, quella di Como, che per celebrare degnamente il prestigioso traguardo dei 350 anni non mancherè di interrogarsi anche sul libro digitale e sul futuro della carta stampata nell’era di Internet e degli smartphone.
«Con i cambiamenti tecnologici in atto che trasformano il libro in esperienza digitale – ha detto ieri l’assessore alla Cultura di Como Luigi Cavadini ai microfoni del telegiornale dell’emittente Etv – il cambiamento si sente, ma il senso del valore di un volume fatto di carta non si è perso e io credo che non perderà mai nel tempo».
Il primo appuntamento in programma, il 7 novembre alle 18, sarà con Piero Innocenti, già direttore del dipartimento di Storia e Culture del testo alla facoltà di Beni culturali dell’Università della Tuscia e consulente del ministero per i Beni culturali, introdurrà i partecipanti nel mondo delle biblioteche. Il ciclo di incontri proseguirà fino al prossimo mese di gennaio.
«La storia della Biblioteca di Como – aggiunge il responsabile scientifico della Biblioteca cittadina, la dottoressa Chiara Milani – è legata al lascito testamentario del giurista comasco Francesco Benzi che nel 1663, con il proprio patrimonio librario e una rendita per il mantenimento, istituì il primo nucleo, annesso al Collegio dei nobili giureconsulti, destinato a diventare la Biblioteca di Como».
Tra le iniziative previste per i festeggiamenti figura anche la pubblicazione di un volume nel quale saranno riportati tutti i messaggi di auguri che arriveranno alla Biblioteca.
I numeri
La Biblioteca di Como possiede circa 440.000 documenti tra libri, quotidiani e periodici, fotografie e patrimonio antico e raro, stampe, grafica d’arte, cartoline e materiali multimediali. Ogni anno il patrimonio della Biblioteca si incrementa con circa 5.000 nuovi documenti, in parte acquistati, in parte provenienti da donazioni dei lettori ed una piccola quota consegnata dagli editori della provincia di Como quale deposito legale. Ogni anno sono 100.000 gli utenti che varcano la soglia della Biblioteca, e 27.500 i fruitori delle sale studio. Istituita inizialmente nella sede del Collegio dei nobili giureconsulti di Como (Il Collegio dei Dottori), nel 1811 la Biblioteca fu trasferita nell’edificio del Liceo Classico Volta. Il trasferimento nell’attuale sede ebbe termine nel 1969.

Nella foto:
Sopra, la responsabile scientifica della Biblioteca cittadina, Chiara Milani, con un antico volume. Sotto, il logo del 350°
5 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto