La Coldiretti anticipa con le primule la Festa della Donne

Le primule della Coldiretti

DLe “primule a km zero” made in Como Lecco anticipano la Festa della Donna: Coldiretti le distribuisce in questi giorni agli AgriMercati del territorio, primo “assaggio” oggi a Cantù e giornata clou domani a Meda, dove l’azienda agricola Bonacina omaggerà una “primula tutta italiana” a tutte le clienti del mercato in piazza Cavour (ore 8-12).

Il ruolo delle donne nelle imprese agricole lariane è sempre più fondamentale: negli ultimi anni, le titolari di impresa agricola hanno registrato numeri di crescita importanti, e sono proprio le “imprese in rosa” quelle a registrare i successi maggiori sul fronte della multifunzionalità e dell’innovazione, dall’agriturismo alle fattorie didattiche, alla loro presenza presso gli stessi AgriMercati.

“Le nostre donne incontrano il pubblico e la società civile con impegno ed entusiasmo” dice Francesca Biffi, che proprio in questi giorni affronta una tre-giorni di specializzazione Sardegna con una delegazione di Coldiretti Donne Impresa Como-Lecco, che presiede in qualità di responsabile.

“Gli impegni e gli esempi di successo non mancano e tra questi merita certamente una menzione particolare il progetto “Mangio sano e mi diverto” che ci porta ad incontrare oltre 900 allievi delle scuole di Lecco e dintorni. Si tratta di un progetto a tutto campo sui temi del latte e dell’ortofrutta, con il quale formiamo i consumatori di domani. Ancora le donne sono tra le protagoniste di un nuovo ruolo dell’agricoltura verso lo sviluppo di un’identità gastronomica territoriale: molto spesso sono le ultime depositarie di quelle ricette, valori e tecniche che le famiglie hanno tramandato da generazioni e divengono oggi preziosissime come punto di contatto di una cucina sempre più identitaria. E’ un pensiero che porteremo anche domani a Erba nell’intervento agli Stati Generali della Gastronomia Lariana promossi da SlowFood presso RistorExpo: ci saremo anche noi”.

Sempre a tutela del Made in Italy, prosegue inoltre presso tutti gli AgriMercati del territorio (e domani, in particolare, a Meda) l’iniziativa #stopalciboanonimo: si tratta della raccolta di firme con la quale Coldiretti intente chiedere all’Europa di rendere obbligatoria l’etichettatura d’origine per tutti gli alimenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.