La Coldiretti conta i danni del maltempo sul Lario

Arpal

Coltivazioni distrutte, danni a frutta e verdura, mandrie e greggi pronte a rientrare a valle bloccate in alpeggio. È quanto emerge dal monitoraggio che i tecnici di Coldiretti Como Lecco stanno realizzando nelle diverse zone del territorio, sferzate dalla nuova ondata di maltempo nel weekend appena trascorso.

L’Altolago, il Lecchese e la Valsassina, ma anche la fascia di pianura lungo l’asse tra Como e Lecco: è amplissimo l’areale che, negli ultimi due anni, è stato teatro di episodi frequenti e violenti di maltempo, in uno scenario che vede, di fatto, una tropicalizzazione del clima come mai prima d’ora.

Nelle province di Como e Lecco, il maltempo dei giorni scorsi ha provocato problemi anche alla percorribilità delle grandi arterie viarie, nonché alle strade poderali. Nell’alto lago di Como, la pioggia ha reso impraticabili le vie che dagli alpeggi riportano gli animali a valle. Alcuni pastori sono di fatto rimasti bloccati in alpe con le greggi e sono stati costretti a rimandare il ritorno nelle loro aziende agricole previsto per questo fine settimana, come nel caso di Ivan Albini che si è trovato, di fatto, bloccato con i suoi animali (vacche e capre, tra cui la rara razza “Di Livo”) all’Alpe Nesdale, dovendo rimandare la demonticazione di qualche giorno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.