La collezione della Quadreria è custodita alla Fondazione Rusca. La raccolta è frutto delle donazioni fatte dai benefattori dell’ospedale

Pinacoteca di Como

Il patrimonio artistico della Quadreria del Sant’Anna è composto da ben 238 opere. Fatta eccezione per i nove dipinti che, con ogni probabilità, andranno in Pinacoteca – dopo aver corso il rischio di un trasloco a Varese – le rimanenti 229 sono invece ospitate in un ambiente apposito all’interno dell Fondazione Rusca, in locali climatizzati. La conferma arriva direttamente dal Sant’Anna. «La parte rimanente dell’ingente patrimonio artistico è alla Fondazione Rusca – fanno sapere da San Fermo della Battaglia – Tutto conservato in uno spazio preso in affitto».
E da lì non è escluso, come successe nel 2010, che possano in futuro uscire per essere esposte. Ormai 9 anni fa infatti 45 opere, dopo il restaro fortemente voluto dalla Famiglia Comasca di Piercesare Bordoli, vennero esposte proprio in Pinacoteca, futura casa dei nove dipinti che tanto hanno fatto discutere in queste ultime ore.
L’intera collezione è frutto delle donazioni fatte nell’arco dei secoli dai diversi benefattori della struttura ospedaliera comasca. Il corpus di questo patrimonio è diviso in due parti: una più ampia che copre un arco di tempo che va dal tardo XVI secolo ad oggi costituita da circa 160 ritratti di benefattori e comaschi della borghesia e una seconda di circa 80 opere di vario soggetto, prevalentemente religioso. Molti paesaggi come due splendide vedute di Villa Celesia. Tra le diverse opere anche il ritratto di Renzo Ferrero commissionato dall’Ospedale Sant’Anna nel 1948 al comasco Mari Radice, caposcuola dell’astrattismo. Complessivamente, si tratta di 238 gioielli tra quadri, stampe e sculture che costituiscono il tesoro d’arte dell’ospedale, opere realizzate tra la fine del XVI secolo e gli ultimi anni del XIX secolo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.