La conferma dai familiari: è Paolo Rio l’uomo trovato senza vita nei boschi di Montano Lucino

L’esame autoptico ha confermato i sospetti. Il corpo ritrovato nei boschi di Montano Lucino lo scorso fine settimana, è quello di Paolo Rio, 48 anni, scomparso dall’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia dove era stato ricoverato dopo un problema di salute. Il medico legale ha anche fornito indicazioni sulle cause del decesso, che sarebbero del tutto naturali, probabilmente un malore. Morte che risalirebbe al giorno stesso della scomparsa, la massimo a quello successivo. Le ricerche del disperso erano state vane almeno fino all’ultimo fine settimana, quando il corpo di un uomo era stato ritrovato nei boschi. Il timore che si potesse trattare del 48enne di Tavernerio era stato subito più che un sospetto, ma si attendeva l’ultima parola proprio dall’autopsia che è giunta in queste ore. Sul caso hanno lavorato i carabinieri della stazione di Lurate Caccivio. Il corpo è stato restituito ai familiari per le esequie. L’annuncio è stato dato dal fratello della vittima con un posto condiviso sui social: «Ringrazio tutti quelli che in questi giorni ci hanno aiutato e sono stati vicini – ha scritto Sergio Rio – Un abbraccio a tutti». La vicenda era stata seguita anche dalla Procura, tramite il pubblico ministero Simona De Salvo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.