La “Curiera” ferma da due anni

altAsf: «Se ce la chiedono la concediamo volentieri»
Insieme con la sala prove, la “Curiera della musica” era l’altro simbolo dell’apertura dell’ex giunta Bruni ai giovani e al mondo delle note. Dopo l’inaugurazione in pompa magna, con tanto di testimonial naturale, l’artista Davide Van De Sfroos, tour e concerti, della Curiera si sono perse le tracce. O meglio, le tracce si sono fermate nel parcheggio di Lazzago, dove il bus bianco è fermo ormai da due anni.
«La convenzione con Asf è terminata – spiega il vicesindaco e assessore alla

Politiche giovanili, Silvia Magni – E come da accordi la Curiera è tornata nelle disponibilità di Asf».
Una scadenza che sa di sollievo per Palazzo Cernezzi, visto che la gestione dell’autobus non era affatto semplice. Era indispensabile trovare un parcheggio custodito per il suo ricovero e, naturalmente, effettuare costose manutenzioni periodiche e naturalmente avere un autista disponibile per gli spostamenti. L’ultima uscita ufficiale del torpedone è stata nel 2012 per un concerto alla fine di viale Geno, zona Como Nuoto. Poi due anni di sosta forzata nel deposito.
«La Curiera rimane a Lazzago – spiegano sempre da Asf – in attesa di altri progetti proposti dal Comune di Como o da altri soggetti. Se qualcuno dovesse chiederci anche domani l’impiego del bus per un tour o singoli eventi, possiamo già garantire la nostra disponibilità. Si tratta di un veicolo datato, quindi è escluso che possa tornare a prestare servizio di linea». La Curiera della Musica prevede anche la possibilità di allestire un palco sul tetto.

Paolo Annoni

Nella foto:
Triste e sola nel deposito di Asf a Lazzago, la “Curiera della Musica” non ha passeggeri o spettatori ormai da due anni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.