La doppia faccia della ricca Como

Crisi e solidarietà

Siamo sempre a sud di qualcuno. Noi siamo sicuramente a sud della ricchezza europea che governa le sorti del continente  e della Svizzera che ha appena votato con apposito referendum contro l’espandersi incontrollato dei frontalieri.  La storia recente ci insegna che siamo tutti fratelli, e chiamati nei limiti del possibile ad accogliere chi è più debole. Vedo in giro tanti mendicanti, più del solito. Effetto della crisi. Sarà, ma sapere che sotto i ponti di Como o sui sagrati delle chiese combattono il freddo durante la notte mi mette i brividi. E quello che più gela è l’indifferenza di chi passa. La crisi forse ci insegna che dobbiamo rivedere le nostre priorità.

Lettera firmata

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.