La Federvolley: «Palestra non omologata». Il Comune: «Pronti a intervenire»

Una situazione che dovrebbe essere in via di risoluzione – che riguarda la palestra di via Mognano a Como – ma che ancora una volta porta l’attenzione sui problemi che riguardano gli impianti sportivi nella nostra città.
Una nota dolente ormai da anni, considerando la mancanza di un palazzetto – quello di Muggiò è chiuso da tempo – e le difficoltà che attanagliano il palazzo del ghiaccio di Casate. Questioni spesso alla ribalta, ma non mancano anche altri motivi di preoccupazione che hanno creato, e creano, grattacapi alle società del territorio.
L’ultima questione riguarda, come detto, la struttura di via Mognano: la palestra di Sagnino è senza omologazione con il rischio, per la Como Volley – società emergente del panorama lariano – di dover trovare una nuova casa.
Una situazione che però nelle prossime ore potrebbe sbloccarsi, visto è attesa una lettera del Comune che dovrebbe prorogare l’omologazione.
Una questione sollevata dal comitato regionale della Fipav, la Federazione Italiana Pallavolo, che ha scritto alla società Como Volley e a Palazzo Cernezzi una missiva dai toni decisamente perentori.
«Con riferimento all’omologazione del campo gara di via Mognano, a Como – si legge nella lettera – vi ricordiamo che la deroga è scaduta improrogabilmente il 31 dicembre del 2017».
«Da tale data, pertanto, non è più possibile utilizzare tale impianto senza una dichiarazione di agibilità fornita dal Comune», aggiunge il documento pervenuto a società e all’amministrazione cittadina.
«Nell’attesa delle regolarizzazioni, è necessario – scrive ancora la Fipav – che reperiate un impianto con tali caratteristiche per le gare ufficiali».
«A partire dalla data odierna (il documento è del 21 febbraio, ndr) e in difetto di quanto richiesto – si legge nell’ultima parte della lettera – gli ufficiali di gara non consentiranno lo svolgimento di manifestazioni ufficiali».
La situazione, però, dovrebbe avere uno sbocco positivo. «Siamo al corrente della situazione della palestra di via Mognano – dice Marco Galli, assessore allo Sport del Comune di Como – ma la società di pallavolo non dovrà trovare nuove soluzioni, perché nelle prossime ore il Comune invierà la documentazione necessaria per prorogare temporaneamente l’omologazione».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.