La grande bellezza salvata dai volontari. Il Touring Club riapre le Terme romane

Le terme romane sotto l'autosilo di viale Lecco Le terme romane sotto l’autosilo di viale Lecco

Un tesoro inaccessibile. Buio. Nascosto. Per scoprire il quale servono volontari. Perché lo Stato e le istituzioni locali non sono in grado – o non possono permettersi – nemmeno di spendere pochi euro per promuovere le proprie bellezze.
Storie di ordinaria burocrazia. Che prendono le mosse da un comunicato del Touring Club Italiano (Tci) con cui lo storico ente cerca volontari per riaprire le Terme romane di viale Lecco, a Como.
Il Tci vorrebbe individuare persone disposte a guidare i visitatori alla scoperta delle antiche vestigia conservate sotto l’autosilo.
Un patrimonio archeologico oggi purtroppo chiuso e lasciato al buio proprio per mancanza di addetti.
In realtà, proprio grazie ai volontari del Tci, cittadini e turisti potranno accedere alle terme della Como romana da giovedì 2 aprile ma soltanto di martedì e giovedì (dalle 10 alle 14) e di sabato (dalle 10 alle 18), e ammirare così il grande complesso riportato alla luce negli anni ’70 del Novecento.
Se non ci fossero i volontari del Tci, le terme resterebbero chiuse. Un punto sulla carta. Invece, grazie ad Aperti per Voi, iniziativa promossa dallo stesso Touring Club, sono rese fruibili, così come altri luoghi d’arte e di cultura in 23 diverse città.
A Como, oltre 2.500 persone hanno potuto visitare le terme grazie ai 20 volontari del Tci. Ora il reclutamento riprende.
«Al momento contiamo su 24 volontari – dice Silvano Leoni, console del Touring Club di Como – ma più siamo e più possiamo aumentare le giornate di visita. Ci piacerebbe aprire anche la Porta Pretoria e dare così una mano al Comune di Como».
I volontari, al termine di un percorso di formazione (che si terrà nelle prossime settimane), si impegnano (almeno per 4 ore al mese) ad accogliere e informare i visitatori e a presidiare i luoghi (info via mail a apertipervoi.como@volontaritouring.it, ma è anche possibile ritirare la scheda di adesione allo sportello informazioni turistiche della Provincia di piazza Cavour, dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17).
Luigi Cavadini, assessore alla Cultura del Comune di Como, ringrazia. «L’impegno del Touring è fondamentale. Permette infatti l’apertura prolungata delle terme, altrimenti impossibile, essendo un’area privata. Quindi va loro reso massimo merito – dice – Ben vengano i volontari. Sarebbe ottimo se poi riuscissimo a coinvolgerli anche negli spazi comunali. A partire, ad esempio, da Porta Pretoria, oggi visitabile soltanto su appuntamento. Sarebbe infatti magnifico poter collegare questi due punti per creare così un percorso romano con, in mezzo, una fermata al Museo Civico che funzionerebbe come raccordo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.