La grande distribuzione “aggredisce” anche il mondo del mobile

L’inchiesta – Il presidente provinciale di Confartigianato Legno, Mauro Cazzaniga, focalizza l’attenzione sull’ultima minaccia per i prodotti di qualità
L’artigianato brianzolo inizia a soffrire la concorrenza delle catene organizzate
Salumieri, panettieri, macellai. Sono stati i primi a fare i conti con la grande distribuzione. E  così, tutti i commercianti di alimentari.
Poi è toccato alle altre categorie: casalinghi, elettrodomestici, hi-tech. Gli ultimi, in ordine di tempo, sono stati i negozianti di abbigliamento, che lottano adesso contro i giganteschi outlet delle grandi firme.
La battaglia tra supermercati e negozianti ora contagia pure il settore del mobile: da una parte le grandi catene di arredamento, che in provincia di Como si stanno letteralmente moltiplicando, dall’altra i “legnamé” brianzoli che vendono mobili fatti a mano.
Anche l’artigiano, ormai, si trova a “sgomitare” per battere una concorrenza ben più corpulenta del compaesano bottegaio: arrivano le grandi catene, che offrono arredamenti interi a prezzi stracciati, almeno rispetto al mobile su misura.
E, ora, i mobilieri devono fare i conti con questa nuova forma di concorrenza, perché fino a pochi anni fa

 nel loro settore la questione tutto sommato non esisteva. «Le grandi esposizioni di mobili economici esistono in Brianza da anni, ma con loro abbiamo sempre convissuto, e senza particolari problemi – spiega Mauro Cazzaniga, presidente provinciale e regionale di Confartigianato Legno – ma ora qualcosa è cambiato. Sono arrivate le grandi catene organizzate, un po’ come accadde in passato negli alimentari. Puntano tutto sul prezzo e cercano di attirare chi vuole spendere poco».
Cazzaniga ammette ovviamente che «senza i supermarket dell’arredamento i mobilieri sarebbero più contenti». Poi, però, spiega come le due realtà possano convivere. «Io non voglio impedire alla gente di comprare, che so, una cucina a 2mila euro. L’importante però è che la gente sappia perché la stessa cucina da un artigiano ne costa 10mila. Il prodotto artigianale è studiato e realizzato per durare una vita».
In parte, secondo il rappresentante di Confartigianato, è cambiato anche lo spirito con il quale una famiglia compra l’arredamento. «Una volta – dice Cazzaniga – era, dopo la casa, l’acquisto durevole per eccellenza: l’arredamento doveva resistere una vita, accompagnare la famiglia in tutto il suo percorso. Oggi invece l’approccio è più immediato, e si guarda solo al prezzo come criterio d’acquisto. Una cosa è certa: non potremo mai scontrarci con la grande distribuzione sul prezzo. Perderemmo. Dobbiamo puntare sulla qualità del prodotto e del servizio offerto», aggiunge.
Secondo Mauro Cazzaniga, il cibo è un esempio calzante. «Posso mangiare due etti di carne nel panino di un fast-food, oppure nel piatto prelibato di un ristorante. In entrambi i casi ho la pancia piena. Ma la qualità del prodotto e il servizio sono forse uguali? Non direi. L’importante è che la gente lo sappia, poi ognuno è ovviamente libero di scegliere».
Certo è che, se i grandi magazzini del mobile si moltiplicano, significa che le famiglie hanno anche meno soldi da investire in un arredamento. «Questo non possiamo negarlo – risponde Cazzaniga – a volte la gente compra nei grandi magazzini perché guarda il prezzo e non conosce la differenza tra un mobile artigianale e uno prodotto in serie, altre volte però ci sono famiglie che proprio non hanno la possibilità di spendere». Così come per il cibo e per il tessile, anche per il legno-arredo Cazzaniga vorrebbe – partendo da Como – proporre un “made in Italy”, una certificazione del mobile italiano. Proprio per esaltare le caratteristiche del prodotto artigianale.
«L’associazione sta lavorando per ideare un “100% made in Italy”, che identifichi completamente la genesi del prodotto, e non solo l’ultima fase di lavorazione come avviene nei tessuti. Sarebbe una forma di garanzia per il cliente».

Andrea Bambace

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.