La “Lista Per Como” boccia il 2013 della giunta

alt Conferenza stampa in municipio

(f.bar.) Il flop della prima grande mostra targata Luigi Cavadini. Le periferie abbandonate. La viabilità ingarbugliata e pericolosa. E l’iniziativa, attualmente inascoltata, per inserire Como nel patrimonio dell’Unesco.
È lungo l’elenco delle pecche (e delle poche note positive) stilato dalla Lista Per Como e presentato ieri mattina in una conferenza stampa organizzata in municipio a Como.
Un bilancio amaro, quello tracciato dal consigliere Mario Molteni e dai componenti del gruppo

civico.
A partire dagli esempi, definiti di immobilismo, della giunta Lucini. «Dopo un avvio di mandato a fianco della maggioranza, ormai da mesi ci siamo posti in maniera sempre più convinta all’opposizione. Sono infatti troppi i temi sui quali non siamo mai stati ascoltati», ha detto Molteni. E gli esempi si sprecano. A partire dal cimitero di Monte Olimpino che attende da ormai 2 anni la fine di alcuni lavori.
«Conosciamo i vincoli legati al patto di stabilità. Ma perché non mettere a posto almeno il piano terra? Ci vorrebbero 20mila euro. E sono oltre 30 le famiglie che da anni attendono di avere un posto. In media, per ogni persona la spesa si aggira sui 3mila euro. Ecco che l’investimento del Comune sarebbe subito ripianato».
Contestazioni anche sulla nuova Ztl. E sul “buco” della grande mostra che «dovrà essere ripagato dai cittadini». Incredulità per la vendita delle farmacie comunali. Sdegno per il degrado delle periferie, sempre più abbandonate.
E anche laddove si è intervenuti non lo si è fatto in maniera adeguata. «Un esempio banale. Dal maggio del 2012 in via Rienza si è lavorato per creare un attraversamento pedonale. Sono stati messi l’apposito cartello e una luce per illuminare il passaggio. Ma non sono mai state tracciate le linee bianche – ha detto Molteni – Hanno forse finito la vernice?».

Nella foto:
Via Rienza, l’attraversamento pedonale tuttora senza strisce (foto Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.