La “maga” del corsetto sfila oggi a Villa Olmo

La stilista coreana
La crisi del tessile costringe da tempo le aziende del distretto serico lariano a tagli drastici, delocalizzazioni e chiusure. Ciò che invece non sembra risentire della crisi è l’appeal del marchio Como verso gli stilisti e i creativi di tutto il mondo. Così ecco che il capoluogo lariano e Villa Olmo sono stati scelti per presentare le sue collezioni da Myungbok Park, stilista e designer coreana numero uno in Corea e tra le prime nel mondo per l’underwear, con una passione particolare per la corsetteria. Ma ciò che è più curioso della storia di Myungbok Park, oggi a capo con il marito di un impero della moda, un’azienda “familiare” con 2mila collaboratori nella sola Seul, è che quando 33 anni fa la stilista ha disegnato il suo primo capo di intimo, il corsetto era un oggetto praticamente sconosciuto per le donne coreane. Oggi i corsetti del marchio Ettim sono delle vere e proprie opere d’arte, fatte a mano e con costi non proprio alla portata di tutti. «Anche perché tutte le materie prime di pregio arrivano dall’Italia e alcuni tessuti proprio da Como. Io ho iniziato nel 1982 a lavorare con l’Italia, mia figlia ha studiato sei anni qui», spiega la stilista. E questo ha condizionato anche la scelta di Villa Olmo per la sua sfilata, non un semplice défilé, bensì una rappresentazione storica in passerella. Oggi, alle 18, nell’ambito di Como Luxury sfileranno 40 pezzi pregiati della collezione di Myungbok Park per ripercorrere i passaggi fondamenti di questo capo di abbigliamento, dall’antico Egitto ai giorni nostri.

Nella foto:
La stilista coreana Myungbok Park

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.