La mappatura fa infuriare “Miniartextil”

A Villa Olmo

(l.m.) Un folto drappello di misuratori armati di apparecchi per la rilevazione di quote e distanze ha fatto irruzione, martedì mattina, a Villa Olmo. Li aveva mandati il Politecnico di Como, per conto del Comune, allo scopo di dare un’accelerata al progetto di ristrutturazione della storica dimora che va presentato entro il 15 novembre alla Fondazione Cariplo nell’ambito del bando da 7 milioni pubblicato a luglio. I rilievi però hanno mandato su tutte le furie gli organizzatori della mostra

di arte tessile “Miniartextil” che è in corso con installazioni, spesso di grandi dimensioni, nelle nove sale al pianterreno. «Non ci avevano avvisati», dice Mimmo Totaro dell’associazione “Arte&Arte”. Che ha preteso e ottenuto che le prossime sessioni di misurazione fino alla fine del mese e al completamento della mappatura – prevista anche ai piani superiori – si svolgano in orari tali da non arrecare disturbo ai visitatori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.