Elezioni 2012

La nuova maggioranza può arrivare a quota 21. Pdl fermo a 4, Lega a 2. Minoranza in mille rivoli

Mario Molteni possibile jolly del centrosinistra
Irriconoscibile rispetto a 5 anni fa. E dominato dai vincitori. Appare così il nuovo consiglio comunale “figlio” del doppio turno di voto a Como. In realtà, come noto, a plasmare il volto della massima assemblea cittadina è stato il primo turno del 6 e 7 maggio scorsi, mentre l’esito del ballottaggio ha “semplicemente” confermato il quadro già emerso quindici giorni fa.
Il primo dato di fondo: la maggioranza su cui potrà contare il neoeletto sindaco di Como Mario Lucini sarà di 20
consiglieri comunali (ai quali, comunque, potrà sempre sommarsi il voto dello stesso primo cittadino). Di contro, l’opposizione potrà contare complessivamente (ma, politicamente, sarà tutt’altro discorso) su 12 esponenti. Questo, sulla carta. Perché, concretamente, esiste già un’anomalia di fondo. Se, alla luce del voto, il candidato sindaco della lista Per Como, Mario Molteni, figura tra le fila della minoranza, in realtà l’interessato – per storia politica e amministrativa personale – è sicuramente più affine al gruppo del centrosinistra, pur con un’anima spiccatamente civica. Se questo quadro trovasse conferma nelle votazioni in aula, la maggioranza potrebbe addirittura passare a 21 elementi totali (con il voto di Lucini sempre a disposizione) contro 11.
Altra questione relativa alla maggioranza di centrosinistra è quella dei cosiddetti subentri. Come noto, infatti, due neoeletti consiglieri comunali (Gisella Introzzi di “Amo la mia città” e Lorenzo Spallino di “Como Civica”) sono già stati indicati da Lucini come prossimi assessori della giunta. Subentreranno loro i primi non eletti delle rispettive liste: Marco Servettini per “Amo la mia città” e Filippo Bianchi per “Como Civica”. Identico meccanismo, ovviamente, scatterà nel caso in cui Lucini “pescasse” ancora tra i consiglieri comunali altri assessori. In sintesi, tra i banchi del centrosinistra saranno 10 consiglieri del Pd, 7 di “Como Civica”, uno di “Amo la mia città”, due di Paco-Sel. A questi si aggiunge il sindaco Mario Lucini.
Passando al fronte dell’opposizione, il primo fatto che spicca è l’enorme frantumazione dell’arcipelago politico. Se il centrodestra storico (Pdl e Lega) potrà contare in totale su 6 esponenti (4 pidiellini, 2 del Carroccio), ipotizzare altri assi politici è operazione praticamente impossibile. Basti pensare che tra gli stessi banchi della minoranza – oltre, figurativamente, a Mario Molteni di cui abbiamo accennato sopra – saranno seduti il grillino Luca Ceruti, la coppia Alessandro Rapinese e Ada Mantovani per “Adesso Como”, gli ex assessori pidiellini Sergio Gaddi e Anna Veronelli per “Forza Cambia Como”. Un mix veramente incredibile di storie politiche, personalità diverse e liste della più varia estrazione che rischia come minimo di rendere difficile l’ipotesi di un fronte di opposizione unito contro la “corazzata” a sostegno del nuovo sindaco.
Tornando soltanto per un attimo al tandem Pdl-Lega Nord, colpisce enormemente un fatto. Grazie alla vittoria di Stefano Bruni nel 2007, Forza Italia portò in aula 11 consiglieri, An 4 e il Carroccio altrettanti. Inutile dire che il cambio di epoca si vede anche da questi numeri.

Emanuele Caso

Nella foto:
L’aula consiliare di Palazzo Cernezzi. La geografia politica cambierà radicalmente rispetto agli ultimi cinque anni
22 Maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto