La Pinacoteca Zust riapre nel segno di Corty

Pinacoteca Zust

In accordo con le nuove direttive del Consiglio federale, la Pinacoteca Züst di Rancate (Mendrisio) riaprirà al pubblico a partire da martedì 12 maggio. A partire da questa data, e sino all’11 ottobre 2020, sarà possibile visitare la mostra Jean Corty (1907-1946): gli anni di Mendrisio. Opere dalla collezione del dottor Olindo Bernasconi.  L’esposizione – a cura di Mariangela Agliati Ruggia, Paolo Blendinger, Alessandra Brambilla e Giulio Folletti – è dedicata a Jean Corty, uno dei più apprezzati pittori svizzeri, che, anche in seguito alla formazione svolta a Bruxelles, subisce il fascino dell’Espressionismo nordico e la cui parabola artistica si consuma nell’arco di soli vent’anni. In mostra sono presentate unicamente le numerose opere – paesaggi e figure – da lui dipinte durante i ricoveri presso quello che all’epoca era denominato Manicomio di Mendrisio, tra il 1933 e il 1941, e donate dal pittore stesso al suo dottore Olindo Bernasconi, i cui discendenti le conservano ancora. Il catalogo contiene testi dei curatori e la riproduzione di tutte le opere esposte (un centinaio, tra olii e disegni), in gran parte inedite.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.