Cronaca

La precisazione e l’audio ufficiale a confronto

altL’oggetto del contendere
(e.c.) Sulla frase fatidica, ieri il capo di Gabinetto, Valeria Guarisco, ha scritto in una nota di non aver «mai affermato che la società aggiudicataria Sae Comunicazione srl non ha i requisiti richiesti dal bando di gara», sostenendo, invece, di aver chiarito che «il livello di dettaglio del progetto richiesto in sede di trattativa negoziata è differente rispetto a quello richiesto in sede di bando stesso e pertanto non comparabile. Si ribadisce che comunque il progetto presentato da Sae Comunicazione

Srl è stato ritenuto adeguato ai parametri del bando da parte della Commissione giudicatrice».
Sarà anche tutto vero, ma resta il fatto che – pur dando per buona la specificazione che «dopo che il bando pubblico è andato deserto, la procedura da seguire è diversa» – le parole di Valeria Guarisco pronunciate davanti alla Commissione Cultura sono state testualmente queste: «Se questo progetto fosse stato presentato nell’ambito della gara aperta non sarebbe stato accettato, perché era mancante di requisiti essenziali quali un progetto del bar o la definizione di un piano di comunicazione». Giusto per la cronaca.

Ecco l’articolo in cui si dava conto della vicenda

http://www.corrierecomo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=61564&catid=14:prima-pagina

10 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto