La proposta: intitolare la biblioteca di Como a Paolo Borsellino

Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, uccisi nel 1992

Intitolare la biblioteca comunale di Como a Paolo Borsellino, il magistrato ucciso a Palermo il 19 luglio del 1992: è la richiesta avanzata dal Centro Studi Sociali contro le mafie – Progetto San Francesco di Cermenate alla giunta guidata da Mario Landriscina. L’associazione nazionale di promozione sociale, a sostegno del sindacato, della responsabilità sociale, della contrattazione e del contrasto alle mafie nel mondo del lavoro, ha sempre dato grande rilievo alla figura del magistrato, considerato, insieme all’amico e collega Giovanni Falcone, uno dei personaggi più importanti e prestigiosi della storia italiana, simbolo nella lotta contro la mafia.

“Abbiamo presentato la richiesta martedì 13 marzo – spiegano dal Centro Studi – ora aspettiamo che se ne discuta in giunta. Dopo la delibera del Comune, la procedura dovrebbe passare nelle mani del Prefetto. Qualche anno fa avevamo dedicato un albero a Giovanni Falcone ai giardini pubblici di Como. Ora, in vista della ricorrenza della strage di via D’Amelio, chiediamo che la biblioteca della città, luogo simbolico di aggregazione per adolescenti e giovani, venga intitolata a Borsellino, figura che merita di essere ricordata e conosciuta anche dalle nuove generazioni”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.