La prossima settimana nasce il Como di Akosua Puni Essien

Akosua Puni Essien

Tutte le decisioni la prossima settimana. Da lunedì si comincerà a disegnare l’organigramma del Football Club Como di Akosua Puni Essien.
La proprietaria del club – che tutti chiamano già «presidentessa» – ieri sera è tornata in Inghilterra a Londra, dopo un blitz di tre giorni in Italia. Due li ha passati a Milano, il terzo allo stadio Sinigaglia, dove ieri ha incontrato il direttore generale Diego Foresti, il diesse Gianluca Andrissi e il tecnico a Fabio Gallo.
A tutti Akosua Puni Essien ha chiesto di rimanere anche per la prossima stagione. Ma a condizioni nuove e con il progetto della proprietà, che di fatto prevede una riduzione dei costi (soprattutto quelli che riguardano gli stipendi più alti), con una maggiore valorizzazione di calciatori giovani e con l’obiettivo di salire al più presto in serie B.

Diego Foresti, direttore generale del Como

Elementi già noti, questi, nulla di clamoroso. Ma, appunto, solo la presidentessa e i diretti interessati conoscono le condizioni di questo progetto e bisognerà vedere sei tre, Foresti, Andrissi e Gallo, le accetteranno. Lunedì sono stati fissati nuovi appuntamenti con i consulenti di Puni Essien che, in coordinamento con la proprietaria, si confronteranno con le tre persone che, con ruoli differenti, hanno gestito il club nell’ultima, tormentata, stagione.
A quel punto si saprà se, dopo un weekend di riflessione, le risposte saranno «sì» oppure «no». Poi il nuovo staff dirigenziale si regolerà di conseguenza.

Fabio Gallo e Gianluca Andrissi

Dall’entourage di Akosua Puni Essien trapela il segnale che la presidentessa abbia le idee chiare e sappia già come muoversi a seconda delle risposte che giungeranno.
«Sono stati tre giorni intensi – viene spiegato dallo staff che supporta Puni Essien – È stato analizzato ogni aspetto e il secondo giorno abbiamo terminato di ragionare sul Como alle 3.30 di notte».
La donna di affari finora non ha fatto alcun intervento, ma da qui in avanti qualunque aspetto che riguarderà il club sarà riferito a una sua direttiva. Questo è il segnale che tutti hanno inteso in questo blitz nel nostro Paese.
Un blitz che è stato definito «molto operativo» e che si concretizzerà, fin dall’inizio della prossima settimana (in cui il Como celebrerà tra l’altro il suo compleanno numero 110), con le prime scelte che riguarderanno l’organigramma societario.
Dopo un weekend tranquillo e di riflessione, è dunque lecito attendersi i primi botti e le indicazioni che faranno capire fisionomia e identità del Como targato Akosua Puni Essien.
Massimo Moscardi

Articoli correlati