La provocazione: “Una moschea nell’autosilo Valmulini”. Il sindaco Lucini a Etv: “Non mi sembra adatto”

Una moschea all’ultimo piano dell’autosilo Valmulini a Como. Una proposta choc. Una provocazione, come la definisce chi lancia il sasso, destinata comunque a scatenare le polemiche. L’idea arriva dal consigliere di maggioranza in consiglio comunale a Como, Gioacchino Favara, del Partito Democrativo, nei giorni in cui i bilanci in rosso profondo della struttura gestita dalla Como Servizi Urbani hanno spinto alcuni consiglieri comunali a proporre la chiusura del maxi parcheggio.

 

“Si insiste sulla chiusura ma non va bene – afferma Favara – Gli islamici hanno bisogno di una sede quindi affittiamo loro l’ultimo piano del multipiano; ne verrebbe fuori una delle moschee più belle d’Europa. L’importante – precisa ancora il consigliere – è salvare l’autosilo, se non vogliamo fare una moschea pensiamo a un ristorante a una pizzeria. Comunque, conclude, ho già parlato dell’idea al mio capogruppo Stefano Legnani e all’assessore Magatti, diciamo che la cosa ha destato sorpresa”.

In serata la risposta del sindaco di Como, Mario Lucini, in diretta a Etv: “Mi sembra più che altro una provocazione – ha detto – La struttura non mi sembra adata”.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.