La Regina soffoca, l’ordinanza non regge. Il sindaco di Tremezzina invoca interventi radicali

Code sulla Statale Regina nella zona della Tremezzina

La Regina soffoca. Stritolata dal traffico e dai mezzi pesanti che transitano lungo la statale, nonostante l’ordinanza in vigore preveda la possibilità di andare verso nord al mattino e di ridiscendere verso Como al pomeriggio.
In aggiunta, in questi ultimi giorni, lo stop alla circolazione sulla Statale 36 e il lungo ponte festivo hanno aggravato una situazione che diventa sempre più problematica. «Purtroppo l’ordinanza che prevede la possibilità di muoversi in una delle due direttrici lungo il lago, dividendo tra mattino e pomeriggio, ha dei punti deboli. A partire, ad esempio, dalle deroghe per i mezzi che devono consegnare tra Tremezzina e Menaggio – spiega il sindaco di Tremezzina Mauro Guerra – Oltre al fatto che spesso non viene rispettata e le conseguenze sono ben visibili». Una situazione che diventa sempre più ingovernabile viste le variabili che possono andare a influire negativamente sulla circolazione lungo la statale Regina. «Il 4 maggio scatterà ufficialmente il servizio dei movieri che regoleranno il flusso dei mezzi nelle ore critiche. Il mattino dalle 7 alle 11 e poi dalle 15 alle 19 – spiega Guerra – Già da domani pomeriggio però inizieranno ad entrare in servizio per cercare di gestire il caos che in questi giorni è andato aumentando anche in conseguenza della chiusura della Statale 36».
E pensando al futuro, in attesa delle Variante della Tremezzina, unica infrastruttura che potrà drenare il traffico di mezzi pesanti, ecco però che si torna a discutere di argomenti già ampiamente dibattuti in passato e fonte di polemiche. «Purtroppo quando si studiano possibili alternative si scatenano subito le voci contrarie. Ad esempio l’idea del girone a senso unico (che prevedeva per i mezzi pesanti, durante l’estate e in altri periodi topici di poter partire da Como ma di rientrare da Lecco), è stata immediatamente ostacolata. Le associazioni di categoria si sono rivoltate non capendo che così non fanno altro che causare danni a se stessi. La situazione, ben visibile giorno dopo giorno, diventa sempre più ingestibile e causa danni a tutti», conclude il sindaco Mauro Guerra.

Articoli correlati

1 Commento

  • Avatar
    Giacomo , 30 Aprile 2019 @ 7:49

    Buongiorno Dott. Barabesi, Como e’ a mio avviso una citta’ allo sbando dove non funziona niente, i soliti siedono a palazzo e non decidono in barba a qualunque maggioranza, le strade sono da vedere, in occasione del giro D’Italia e solo grazie ad esso penso asfalteranno la Via x Brunate che e’ un disastro, il posto riservato ai pullman turistici occupato dalle giostre, non sono in grado di fare nulla nemmeno per sbaglio e ci si meraviglia ancora. Ma mi scusi tutto il lago non potrebbe servire a trasportare su e giu’ auto e bus, prendendo spunto dai traghetti ad esempio sullo stretto di Messina? Farebbe lavorare i nostri cantieri che sono tanti e come soluzione renderebbe inutile lavori trentennali, invece si inventano cose fantozziane, il problema dell’accesso da Via Mentana o da Via Milano alla Via Giulini che ho gia’ segnalato in occasione delle feste e dei giorni di mercato e’ ancora li’ come quello dei cani che rendono maleodoranti le vie del centro. Ora si aggiunge il Como in serie C e… auguri a tutti durante le partite in casa!!!!

    Grazie, saluti,
    Giacomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.