La star indiana e il Duomo di Como. Il cinema celebra le nozze “impossibili”

alt

Il Lario set di Bollywood
Girate ieri alcune scene del film “Rongbaaz”. Sarà visto da milioni di persone

Como, amata dai divi americani e dai magnati russi, ha un ammiratore in più ed è indiano. In questi giorni, sul Lario è sbarcata una troupe cinematografica direttamente da Hyderabad, città a sud dell’India. La produzione – la Surinder Film di Nispal Singh – è approdata sulle rive del lago per girare alcune scene che faranno da sfondo alla colonna sonora del film Rongbaaz. Si tratta di una commedia musicale che ha come protagonisti due giovani star indiane, Koel Mallick e Deepak Adhikari alias

Dev, popolarissimi nel loro Paese d’origine, dove da dieci anni sono protagonisti dei film di Tollywood.
Il cast ieri ha girato alcune scene in piazza Duomo, sul lungolago e in piazza Verdi, di fronte al Teatro Sociale. E martedì – dopo una tappa milanese – il set si sposterà a Bellagio.
Per i comaschi questa è un’occasione d’oro, perché una buona percentuale dell’enorme bacino potenziale di spettatori indiani potrebbe sceglieranno il Lago di Como per trascorrere le vacanze. I risultati si vedranno fra un paio di anni, così come è accaduto in Svizzera, a oggi prima meta scelta dagli indiani per rivedere i luoghi che, vent’anni prima, avevano scoperto guardando un film. È questo, in sostanza, quello che viene chiamato “cineturismo”, e dietro al quale c’è il lavoro di agenzie e promotori come Ivano Fuggi che, insieme con l’amico Michele Saragoni, ha fondato l’azienda “Occhi di Ulisse” proprio con lo scopo di promuovere i luoghi dell’Italia. E, da qualche anno, il Lago di Como, spicca nelle produzione indiane e brasiliane. «Intorno al film c’è grande attesa – dichiara l’esperto turistico Ivano Fuggi- e la produzione indiana, in collaborazione con la Film Commission lombarda, ha scelto Como proprio per la bellezza dei suoi luoghi, che si adattano alla trama del film e ai colori della scena».
«La città, con i suoi edifici e i suoi scorci, serve a fare da scenografia alla colonna sonora – aggiunge ancora Ivano Fuggi – È lo sfondo ideale della storia d’amore che lega i protagonisti, in principio acerrimi nemici».
Piazza Duomo è rimasta gremita per tutta la durata delle riprese. Benché le scene girate siano state soltanto tre, provate e riprovate per un pallone da basket lanciato troppo in alto o troppo in basso, o finito sotto i tavoli del bar sotto i portici della piazza, tantissime persone si sono fermate a osservare cosa stesse accadendo. E mentre le riprese ricominciavano al grido del coreografo “Action!”, il pubblico stava immobile per non disturbare l’azione.
Stessa scena, nuovo ciak, medesima musica: con un giovane italiano ad ammonire il pubblico a liberare lo spazio di fronte al portone d’entrata della cattedrale, teatro di alcune pose. Il clima rilassato e anche piuttosto divertito della situazione ha consentito a molti di avvicinarsi anche agli operatori, al regista e al coreografo. Tra il pubblico, si è sentito più d’uno mormorare di aver saputo del film; tanti altri, soprattutto i più giovani, pensavano di assistere alle riprese di un videoclip o comunque non si aspettavano di essere nella scenografia di un film indiano. E tanti sono stati anche gli stranieri a spasso per la città che hanno approfittato della pausa tra una scena e l’altra per farsi immortalare tra gli attori. Nella piazza ha fatto capolino un folto gruppi di indiani e bengalesi, accorsi per incontrare i loro connazionali e conoscere i protagonisti dei loro film preferiti. Curiosamente, peraltro, la star del film ha trascorso buona parte della giornata accomodata all’ombra a sonnecchiare, anche se – a chi le chiedeva un parere sul Lario – non ha perso l’occasione per ribadire che «l’Italia è bellissima e che ogni angolo di questo Paese ha qualcosa di molto romantico».

Giorgia Amarotti

Nella foto:
Sopra, la star della produzione indiana mentre posa per alcune foto davanti al Duomo di Como. Nelle due foto accanto, due momenti della scena di basket girata ieri davanti a un pubblico decisamente incuriosito

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.