La storia di Anna ad Asso

altLa presentazione

Il libro scritto da Lucia Sala e intitolato semplicemente “Anna” (Edizioni New Press Como, 9.50 euro) racconta una storia avventurosa e speciale, quella di una barcaiola lariana.
Una storia che si potrà ripercorrere con l’autrice in occasione della presentazione del libro che sarà domani, mercoledì 6 novembre, alle ore 21, alla Biblioteca Comunale “Ivano Ferrarini” di Asso, con ingresso libero.
“Anna” – a destra, la copertina dell’opera – è infatti la biografia di una donna

coraggiosa, Anna Corti di Onno, nata nel 1926 che, dall’età di sette anni, ha svolto il lavoro di barcaiola tra Oliveto Lario e la sponda opposta con una barca a remi. Onno nei tempi passati era considerato il “porto” di riferimento per Valbrona, Asso e la Vallassina; le barche permettevano il collegamento con Mandello e quindi con i treni, le città e la Valtellina.
Anna in questo suo lavoro, modesto ma essenziale per la comunità, traghettava quotidianamente pendolari delle fabbriche, commercianti, allevatori, il medico, l’ostetrica… più ogni genere di merci, i sacchi della posta, le medicine, in ogni stagione e condizione di tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.