La storica “Castellini” riparte dall’alta tecnologia

alt

La scuola di Arti e Mestieri
Nuovo corso per operatore grafico audio-video. «Faremo il passo in avanti che la città attende»

(a.cam.) «Un salto di qualità. Un’ulteriore prova delle competenze ed eccellenze sulle quali possiamo contare». È l’espressione usata da Aniello Rinaldi, presidente della Fondazione Gabriele Castellini di Como, per presentare il nuovo corso per operatore grafico audio-video, al via dal prossimo anno nella scuola di Arti e Mestieri di via Sirtori. La nuova offerta formativa si aggiunge ai corsi tradizionali della storica scuola, fondata nel 1883: operatore elettrico-elettronico e operatore amministrativo

segretariale.
L’innovazione sarà attivata grazie anche a un premio di 25mila euro conquistato dalla Castellini nell’ambito di un concorso regionale. «Su un totale di 150 progetti presentati – spiega Rinaldi – il nostro, incentrato sul tema della generazione web, si è classificato sesto».
I ragazzi che frequenteranno il nuovo corso di formazione – articolato su tre anni più un quarto facoltativo – apprenderanno le tecniche per girare, montare e produrre completamente un video. Al termine del percorso saranno inoltre in grado di utilizzare nuove tecnologie e produrre rendering in tre dimensioni o elementi di realtà aumentata.
Come per gli altri corsi tradizionali, i posti disponibili per gli aspiranti operatori audio-video sono 25. La scuola d’Arti e Mestieri ha in programma tre open day per illustrare l’intera offerta formativa. Il primo appuntamento è fissato per il pomeriggio di oggi dalle 14.30 alle 17.30 nella sede di via Sirtori 10. Stesso orario e stessa sede per le prossime date dell’evento, il 14 dicembre e il 18 gennaio.
La proprietà della Fondazione Castellini è divisa tra Provincia e Comune di Como. «La struttura è stata completamente rinnovata e sono state avviate nuove iniziative nell’ambito della formazione – sottolinea Aniello Rinaldi – Abbiamo la necessità di compiere quel passo in avanti che la città si attende». Il corso per operatore grafico audio-video, che può contare anche sul sostegno dell’emittente comasca Etv, è rivolto ai giovani tra i 14 e 18 anni in possesso della licenza media, unico requisito necessario per l’iscrizione. Sul piano dell’attitudine, invece, gli ideatori del corso sottolineano come i ragazzi dovrebbero avere «un mix di creatività, concretezza, praticità e curiosità». La didattica spazia dalla pubblicità grafica alla storia dell’immagine, passando per fotografia, audio, elaborazione di immagini tridimensionali, programmi per editing audio video, progettazione grafica anche in chiave web, ripresa, elaborazione e montaggio video. «Nel tempo la scuola si è evoluta e innovata – dice Fabio Giunco, direttore della Fondazione Castellini – I processi formativi sono gestiti tramite un portale interno e i ragazzi hanno un tablet per le lezioni. Il premio che abbiamo conquistato ci permetterà di adeguare ulteriormente le infrastrutture della scuola e ampliare i servizi agli studenti».
«La scuola nel tempo ha attraversato anche momenti bui – sottolinea il dirigente di Villa Saporiti Matteo Accardi – ma negli ultimi anni è in costante crescita». «La Castellini è una realtà importante per il territorio – aggiunge il sindaco di Como Mario Lucini – ha una lunga tradizione ma sta mostrando la capacità di rinnovarsi e stare al passo con i tempi».

Nella foto:
La sede della storica Scuola di Arti e Mestieri “Castellini”, vera istituzione di Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.