Cronaca

La tangenziale delle beffe, aumenta il pedaggio e Maroni: “Colpa del governo”

tangenziale pedaggio bilancioTangenziale di Como: la beffa è servita. Se il 2015 è stato l’anno della battaglia persa sul pedaggio, il 2016 – in attesa dell’incontro sul tema al ministero – è iniziato perfino peggio, con un ulteriore aumento per gli automobilisti che percorrono l’infrastruttura. Si passa da 62 a 63 centesimi per poco più di due chilometri. E ancora una volta l’opera, che resta sottoutilizzata e incompleta, finisce al centro della battaglia politica. “A tutti quelli che protestano (giustamente) contro l’aumento del pedaggio – ha detto in queste ore il governatore lombardo Roberto Maroni – consiglio caldamente di rivolgersi al Governo Renzi e al suo partito, che un mese fa hanno bocciato il nostro emendamento che rendeva gratuite le tangenziali e la Pedemontana”. Chissà se il consiglio verrà seguito dalla delegazione comasca che il prossimo 22 gennaio sarà a Roma per partecipare all’atteso incontro cono il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. Vertice che avrà al centro dell’attenzione la tangenziale di Como e le tante questioni in sospeso, dal pedaggio al secondo lotto. Alla lista, ora, si aggiunge il rincaro in vigore da ieri, visto l’aumento dell’1% su tutta la rete Pedemontana, mentre per Autostrade per l’Italia il rincaro è dell’1,09%. Un “razzismo autostradale” secondo il parlamentare comasco del Carroccio Nicola Molteni, secondo il quale a pagare è sempre il Nord e che annuncia un’interrogazione sul tema.

“Il problema non è il centesimo in più, ma che si debba pagare un pedaggio per andare da Villa Guardia ad Albate mentre resta il rischio che i conti non tornino, con nuove ricadute sulle tasche di tutti” commenta Alberto Gaffuri, sindaco di Albese con Cassano e promotore del comitato di sindaci in prima linea, in questi mesi, contro il pagamento della tangenziale di Como. “Non è questo il momento delle querelle politiche, dobbiamo lavorare per trovare una soluzione” dice ancora Gaffuri che il prossimo 22 gennaio sarà a Roma, assieme al sindaco di Como Mario Lucini e al presidente della provincia Maria Rita Livio e che invita la Regione a partecipare al confronto, che potrebbe essere l’ultima chance per il territorio e per il futuro dell’opera. Il rischio infatti, secondo quanti hanno lottato finora contro il pedaggio, è che con una tangenziale incompleta e sottoutilizzata i conti non tornino e il piano finanziario ipotizzato non vada a buon fine. A quel punto a pagare potrebbero essere ancora i cittadini. E non sarebbe soltanto un centesimo.

 

Tratto da Espansione TV

2 gennaio 2016

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto