La tradizione e la sfida digitale

La Biblioteca di Como compie 350 anni
La Biblioteca di Como compie 350 anni, ma spegne le candeline mentre la rivoluzione digitale rischia di far apparire obsoleto il vecchio libro.
Per me che sono una vecchia e accanita lettrice è irrinunciabile la carta. Una passione che mi accompagna fin da bambina, che senz’altro in parte ho ereditato in famiglia, ma che poi ho sviluppato in maniera autonoma. Ho contato che in casa ho oltre 3.700 libri (solo quelli in camera mia), più quasi 1.500 fumetti di vario genere, perché non li considero un’arte minore e poi fanno la gioia dei nipotini e dei loro amici.
Nella mia biblioteca ci sono i libri di fiabe di quando ero piccola, i classici dell’Ottocento per ragazzi, “Piccole donne” in testa, libri di viaggio e sui musei, thriller, letteratura fantastica, libri sui gatti, manuali per disegnare, classici: un po’ di tutto, insomma. Ecco, pensare che tutto questo possa finire in una tasca o in una chiavetta usb, mi lascia indifferente. Ma come lo spiego ai nipotini?
Elena Cettini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.