La tragedia di Cabiate: la piccola aveva ripreso a giocare, poi l’aggravamento fatale

Il volo notturno dell'elisoccorso di Como

Aveva ripreso a giocare, senza apparenti conseguenze. Poi si era messa a guardare cartoni animati. Il respiro all’improvviso è però diventato affannoso, il compagno della mamma (quest’ultima era al lavoro a Monza) è intervenuto allertando il 118. Ma ormai le condizioni della piccola, un anno e mezzo, erano critiche. La bambina è morta in ospedale dopo il trasporto in elicottero a Bergamo.

La tragedia di ieri a Cabiate lascia sgomenti. L’incidente domestico era avvenuto alle 15, quando la piccola aveva tirato il cavo di una stufetta da bagno che si trovava in cima ad una scarpiera. L’elettrodomestico le era caduto in testa. Uno spavento per il 25enne compagno della mamma che si trovava in casa da solo con la bambina. La piccola però aveva subito smesso di piangere, riprendendo a giocare. Poi, alle 18, l’improvviso e fatale aggravamento.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Tenenza di Mariano Comense. L’accaduto è stato segnalato al pubblico ministero di turno in Procura a Como che ora valuterà se far effettuale l’autopsia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.