La vicenda di Lillia torna a Milano

L’EX SINDACO DI DONGO
(m.pv.) Tutti rinviato alla corte d’Appello di Milano per un nuovo esame. Accogliendo dunque i motivi di ricorso presentati dalla difesa. È questa la decisione della Cassazione sulla vicenda dell’ex sindaco di Dongo, Virginio Lillia, che era stato condannato a un mese e 10 giorni (in secondo grado) per tentata violenza privata. I giudici di Milano avevano ritenuto fondate le pressioni esercitate da Lillia – in concorso con il segretario comunale (giudicato separatamente) – sul revisore che segnalò compensi ritenuti eccessivi. A Roma la decisione è stata diversa, per la soddisfazione della difesa dell’ex sindaco – rappresentata dai legali Davide Carughi, Aldo Turconi e Pietro Mario Vimercati – che avevano sostenuto come mancasse la logicità nei riscontri processuali e come, soprattutto, non si fosse andati oltre il ragionevole dubbio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.