«Abbiamo investito troppi soldi per perdere questo servizio. Confido però nell’opera di mediazione che sarà fatta»

Qui Cantù – Il sindaco Sala
«Il rischio accorpamento del Tribunale di Cantù? Purtroppo ho letto e sentito quello che è avvenuto in questi giorni. Cosa vuole che le dica, la mia risposta e il mio umore sono spiegati dai tanti soldi che abbiamo investito per sistemarlo e nei contributi che abbiamo ricevuto. Perdere il Tribunale sarebbe una cosa gravissima per tutta la zona della Brianza canturina, un’area particolarmente importante anche da un punto di vista economico e che ha bisogno, proprio per questo, di questo servizio».

Il sindaco della città del mobile, Tiziana Sala, non vuole però sbilanciarsi troppo anche perché, dice, «confido molto nell’attività di mediazione di chi ci rappresenta a Roma, soprattutto nei miei compagni di partito (la Lega, ndr)». «Io credo che non si possa parlare di una Italia federale e delle autonomie del territorio se poi vengono tolti Tribunali importanti come quello di Cantù – prosegue la Sala – Certe decisioni dovrebbero essere prese con molta cautela, e dovrebbero essere ponderate a lungo».
Quella stessa cautela che il sindaco brianzolo mette in pratica in merito all’eventuale sostentamento almeno del giudice di pace da parte dell’amministrazione cittadina.
«Anche questa sarà una decisione da ponderare molto attentamente perché non è possibile caricare sempre di più le casse dei Comuni. Comunque, come ripeto, confido molto nell’opera di mediazione che senza dubbio, in questi mesi, i miei compagni di partito a Roma metteranno in pratica».
Mauro Pevereli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.