L’addio straziante ai due amici 16enni

Per salutare Alessandro e Matteo anche delegazioni di Milan e Inter, con Andrea Ranocchia. 

Ha faticato a contenere le diverse centinaia di persone la Chiesa Prepositurale intitolata ai santi Pietro e Paoli a Saronno, che nel pomeriggio ha ospitato il funerale dei due sedicenni Alessandro Masini e Matteo Carnelli, il primo di Rovello Porro e il secondo di Saronno, morti nel tragico incidente di venerdì scorso. I due erano sull’auto di un amico, il 22enne Luca Carro, anche lui di Rovello, e unico sopravvissuto dei quattro occupanti la Fiat Punto. Nell’impatto contro un camion in via Como, tra Saronno e Solaro, è morto anche il 21enne Davide Greco. Sabato gli verrà dato l’ultimo saluto a Rovello.

La cerimonia è stata officiata da don Federico Parisi, il parroco di Saronno, don Armando Cattaneo ha messo invece nero su bianco un messaggio consegnato alle porte della chiesa agli “amici di Alessandro e Matteo” e firmato “don Armando, il prete che piangeva con te e i tuoi amici”.

«Piangere per un amico è una cosa grande. È diverso dal piangersi addosso e ti voglio dire che il dolore è la misura dell’amore. Chi soffre di più è chi ama di più» ha scritto il parroco, citando anche una canzone di Giorgia nella sua lettera. «Quando una stella muore, fa male, fa male. Qui sono morti due ragazzi come te e ciascuno di voi vale più di mille stelle. Se vedi che a soffrire di più sono i genitori di Ale e Matteo, è perché loro sono quelli che li amano di più. E vale anche per te: sono sicuro che nessuno ancora ti sta amando come tua mamma e tuo papà».

Poi un pensiero verso il giovane conducente dell’auto. «Non so cosa pensi del ragazzo che guidava. Io non lo condanno. Mi hanno detto che lui aveva accettato di portarli alla festa per amicizia, per fare loro un favore e quindi è un bravo ragazzo. Ha fatto una svista e l’ha pagata carissima. Chissà le volte che nella vita io ho fatto una svista e mi è andata bene». Ha aggiunto il parroco.

Tra i banchi anche tanti i compagni di scuola dei due ragazzi, studenti dell’Istituto Prealpi, gli amici delle Orsoline e del Sant’Agnese e diversi giovani calciatori. C’era anche una delegazione dell’Inter guidata dal difensore Andrea Ranocchia e una rappresentanza del Milan.
I due giovanissimi erano tifosi delle squadre milanesi. All’esterno della chiesa tanti palloncini bianchi, che sono stati fatti alzare nel cielo.
Sull’altare tra le due bare, mazzi di rose bianche. Erano presenti alla cerimonia anche i sindaci di Saronno, Alessandro Fagioli e di Rovello Porro, Paolo Pavan.

Articoli correlati