Lady Essien e  l’investimento-Como: riflettori puntati sulla «Business woman» e sul suo team
Sport, Territorio

Lady Essien e l’investimento-Como: riflettori puntati sulla «Business woman» e sul suo team

Akosua Puni Essien con la sciarpa del Como

Eccola, lady Essien. Lo sguardo intenso, i lunghi capelli corvini, una voce ferma. Affronta i giornalisti con naturalezza. La cortesia è la sua arma naturale. Risponde a ogni domanda pur restando spesso sul vago. «Siamo appena arrivati – dice – Dateci il tempo di capire dove siamo e che cosa stiamo facendo. E, se possibile, aiutateci». L’esordio della nuova proprietaria del Football Club Como non poteva essere meglio preparato. Almeno una decina di volte, nel corso della conferenza stampa, Doris Akosua Asomo Puni – questo il suo nome per intero, così come risulta dai documenti ufficiali della Camera di Commercio lariana – ha ribadito l’amore per il lago e la storia della città. Una mozione degli affetti che sicuramente ha colpito al cuore i tifosi e tranquillizzato i più scettici.

La nuova proprietaria intervistata da Sky

Senza però, come detto, chiarire alcuni punti. I più importanti dei quali sono l’entità del piano di investimenti immaginato per la gestione e il rilancio della squadra e la provenienza delle risorse. Lady Essien ha chiarito di essere una «Business woman», una donna d’affari. Ha presentato alla platea il suo socio, lo svedese Fredrik Wahlman, e ha dato una spiegazione sommaria delle proprie attività. «Ci occupiamo di consulenze – ha spiegato – mettiamo in relazione tra loro investitori, multinazionali e governi africani». Ha pure chiarito di aver partecipato soltanto alla quarta asta avendo saputo «tardi» del fallimento. «Quando mi è stato sottoposto il caso Como le prime due aste erano già concluse e la terza era ormai prossima».

Akosua Puni Essien con Nikola Rikov

Al suo fianco, a fare anche da traduttore, un manager ginevrino, Nikola Rikov, che la stessa presidente ha investito del ruolo di supervisore del Como per i prossimi mesi. Rikov sarà quindi l’uomo di collegamento tra Lady Essien e la società. «La presidente, in questi primi mesi, non potrà allontanarsi spesso da Londra», ha detto il manager. Facendo capire che la gestione della squadra sarà sostanzialmente sua, almeno nel periodo di transizione. Un passaggio interessante, soprattutto per il profilo del personaggio. Attualmente, Rikov è infatti Advisory Board Memberdi Athina Capital Sa e Partner di Magna Synergy Group Llc, due società che hanno sede a Ginevra allo stesso indirizzo (Rue des Bains 35). Quest’ultima, in particolare, offre servizi e consulenze legali, fiscali e finanziarie a privati e imprese che vogliono investire le proprie risorse in contesti diversi tra loro.

La «Business woman» con il sindaco di Como, Mario Lucini

È del tutto chiaro che la nuova proprietaria del Como non ha scelto la strada della conduzione familiare. Si è affidata piuttosto a un gruppo di esperti, gli stessi che hanno analizzato i conti della società in un’approfondita “due diligence” prima che venisse fatta l’offerta all’incanto. Nessuna improvvisazione. Cosa che non può che essere giudicata positivamente, alla luce soprattutto di quanto accaduto negli ultimi anni. Resta tuttavia da capire quali e quante risorse saranno investite nel Como. E se la compagine societaria sarà allargata. Sul punto Lady Essien non ha dato alcuna informazione precisa. Non ci sono numeri né indicazioni di massima. Se non la volontà – ribadita più volte – di sviluppare il settore giovanile e di riportare la squadra in B quanto prima. Il nuovo Como riparte dal volto gentile di una presidente giovane ed entusiasta. Ma alcune domande al momento attendono una risposta.

Dario Campione

26 Marzo 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto